Sicurezza sul lavoro, la lunga mobilitazione dei sindacati

Sicurezza sul lavoro, la lunga mobilitazione dei sindacati

Cgil, Cisl e Uil unite dalle 10 a piazza Santi Apostoli per chiedere alla politica di non dimenticare i 600 morti e il 77% di irregolarità. Iniziative in tutta Italia: fiaccolata a Milano, sciopero a Torino, flash mob a Palermo

 

Una settimana di mobilitazione per la sicurezza sul lavoro lanciata da Cgil, Cisl e Uil che si concluderà questa mattina a piazza Santi Apostoli a Roma con una manifestazione nazionale.

Dalle 10 sul palco si alterneranno le testimonianze di lavoratrici e lavoratori, poi prenderanno la parola i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil Luigi Sbarra, Pierpaolo Bombardieri, Maurizio Landini.

GLI ULTIMI DATI SULLA STRAGE e la striscia di sangue senza fine in Italia sono agghiaccianti: «Nel 2022 si sono registrati, ad oggi, 600 morti, 400 mila infortuni, 77% di irregolarità aziendali», ricordano Cgil,Cisl e Uil. Per le tre confederazioni «non sono solo numeri, riguardano la vita delle persone, la loro dignità, i loro diritti» lanciando un appello alle forze politiche per fermare le stragi sul lavoro ed invitando tutte e tutti a mobilitarsi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Sul territorio le iniziative sono state numerose e forti.

A Roma ieri fantocci insanguinati con caschi, guanti e scarpe da lavoro sono comparsi nei pressi di largo di Torre Argentina, in via di San Nicola De’ Cesarini, per dire basta alle morti sul lavoro. La manifestazione è stata organizzata dai sindacati edili – Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil capitoline per «chiedere che la tutela della salute e della sicurezza siano messi al primo posto». «Il 2022 non è ancora giunto al termine ma i dati sugli incidenti mortali nel settore dell’edilizia nella capitale sono allarmanti: mai così tanti casi dal 2006 – sottolineano i segretari Generali della Fillea Cgil-Filca Cisl-Feneal Uil di Roma Benedetto Truppa, Nicola Capobianco e Agostino Calcagno – è indegno morire nei cantieri come negli anni 60 e 70. È fondamentale fermare la scia di sangue, creando le massime condizioni di sicurezza possibili sui luoghi di lavoro».

A TORINO invece bandiere rosse, verdi e azzurre di Cgil, Cisl e Uil hanno sventolano ieri mattina in via Genova, all’altezza del civico 116. Un tratto di strada scelto non a caso: qui il 18 dicembre scorso erano crollare due gru, provocando la morte di tre operai. Si è trattato di una iniziativa che rientra nell’ambito di uno sciopero generale di quattro ore indetto dai sindacati per l’intera Città Metropolitana di Torino. Sciopero che è rimasto per il solo settore privato ma revocato per il pubblico (mancavano i venti giorni di preavviso).

Lo sciopero è stato indetto dalle segreterie territoriali dei sindacati dopo l’incidente avvenuto a Rivoli il 5 ottobre scorso, quando tre operai erano rimasti feriti in un cantiere edile.

A Palermo invecve flash mob con corpi accartociati a terra e due striscioni #bastamortisullavoro e #presidiamolasicurezza.

Manifestazioni, flash mob e presidi si sono svolti lungo tutta la penisola. Molto partecipata a Milano la fiaccolata di giovedì sera con centianaia di persone che hanno marciato da piazza Mercanti a piazza della Scala.

* Fonte/autore: Nina Valoti, il manifesto



Related Articles

Primavera calda: due mesi di scioperi in fabbrica, scuola, trasporti e P.A.

Crisi. Sindacati confederali e di base contro l’economia Lega-M5S e il progetto di autonomia differenziata

Ma i nuovi paradisi delle tasse stanno in Eurolandia

Le norme penalizzano i Paesi della black list come Cayman e Bermuda e le imprese scelgono Paesi Ue con aliquote più basse come Irlanda e Lussemburgo 

Se Pechino assedia l’Europa

Indebolita dalla crisi del debito, l’Europa sta aprendo le porte agli investimenti cinesi. Per questo oggi è urgente capire che tipo di potenza sta diventando la Cina, scrive Timothy Garton Ash

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment