Turchia. La persecuzione continua, congelati i conti dell’HDP

Turchia. La persecuzione continua, congelati i conti dell’HDP

Mentre Erdogan gioca al mediatore per l’Ucraina, in casa la Corte costituzionale toglie i fondi al partito della sinistra, impedendogli di fatto la campagna elettorale. E martedì la stessa corte potrebbe decidere di chiuderlo

 

Ieri, mentre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan telefonava a mezza Europa dell’est, a Mus il suo esercito sequestrava la bara di Mîr Perwer, il musicista curdo ucciso il 23 dicembre a Parigi, insieme a Evîn Goyî e Abdurrahman Kızıl.

L’ha poi sepolto, impedendo a migliaia di persone di piangerlo: ci hanno provato, ma di fronte c’erano gas lacrimogeni e cannoni ad acqua. Tra i fermati, anche deputati dell’Hdp.

QUEL PARTITO democratico dei Popoli, formazione multiforme della sinistra turca filo-curda, che poche ore prima si era visto congelare i conti bancari dalla Corte costituzionale, secondo cui parte dei fondi finanzierebbe attività terroristiche. Accusa vecchia: dal 2015 l’Hdp viene costantemente decapitato dei vertici e sfoltito della base per presunto terrorismo (sostegno al Partito dei Lavoratori del Kurdistan, Pkk).

Se nel sud-est ha significato il commissariamento di decine di municipalità e nella detenzione di oltre 7mila sostenitori, in parlamento si è tradotto nella cancellazione dell’immunità e l’arresto di decine di deputati.

Ora conti bloccati dalla magistratura, che dal tentato golpe del 2016 è stata talmente tanto rimaneggiata da essersi di fatto tramutata nell’ennesimo braccio operativo del governo a guida Akp, il partito di Erdogan. Guardate alla sentenza di tre giorni fa del Consiglio di Stato: l’uscita dalla Convenzione internazionale di Istanbul per la lotta alle violenze sulle donne è «legittima», hanno stabilito i giudici rigettando i ricorsi di movimenti femministi e ong secondo cui quel potere non spetta al presidente visto che ad approvare la Convenzione è stato il parlamento.

«LA CORTE HA PRESO una decisione sotto pressione politica», ha commentato la deputata e portavoce dell’Hdp, Ebru Gunay a proposito del blocco dei conti, che fa ora temere l’identico destino dei suoi predecessori: la messa al bando del partito. Il processo in merito, pendente, proseguirà il prossimo martedì con una nuova udienza – ancora di fronte alla Corte costituzionale – e potenzialmente la sentenza definitiva.

La mossa è efficace non solo dal punto di vista mediatico: nei primi 10 giorni di gennaio nei conti bancari dei vari partiti confluiscono i finanziamenti statali, che per l’Hdp nel 2023 ammontano a 539,5 milioni di lire (poco più di 27 milioni di euro), utili all’organizzazione delle attività politiche. Che, in vista delle elezioni presidenziali e parlamentari del 2023, sono fondamentali alla campagna elettorale.

QUELLA DELL’AKP procede invece spedita. Da una parte a suon di regali di facciata (aumento del salario minimo, cancellazione dell’età pensionabile) con un’inflazione che a dicembre ha toccato quota 64% secondo il governo e 137% secondo l’istituto indipendente Enag Inflation Research Group.

Dall’altra tentando di far evaporare l’avanzata delle opposizioni: dell’Hdp, terza forza parlamentare la cui eventuale crescita allontanerebbe l’Akp da una maggioranza stabile, ma anche dei repubblicani del Chp, seconda forza, colpita un mese fa dalla condanna a due anni e mezzo di prigione per insulti alla magistratura del temuto sindaco di Istanbul, Ekrem Imamoglu, l’unico finora ad aver sconfitto Erdogan due volte (l’Akp aveva costretto la città a ri-votare, ha perso lo stesso).

Il tempo stringe. Erdogan ha fretta. Lo si capisce dall’annuncio fatto ieri alla sezione dell’Akp di Ankara: il voto – previsto per il 18 giugno – potrebbe essere anticipato al 30 aprile o al 14 maggio. Per permettere agli studenti di affrontare sereni la maturità, avrebbe detto. O per non crollare troppo nei consensi.

* Fonte/autore: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Siria: continua la repressione, pena di morte per chi arma i “terroristi”

Repressione Assad siria

Mentre continua la repressione violenta del regime siriano con un nuovo bagno di sangue a Homs, sono arrivati ieri dal Cairo 50 osservatori della Lega Araba autorizzati a entrare in Siria in virtù di un accordo sottoscritto da Damasco che fa parte di un più articolato piano per mettere fine a una crisi che va avanti dallo scorso marzo.

Europa. Mancano i leader, ma resterà  unita

Helmut Schmidt. Nonostante gli errori e le miserie di oggi, il senso dell’Unione e la forza della moneta comune rimangono intatti. E forse tra vent’anni tanti cominceranno a comprendere che l’integrazione è nell’interesse di tutti. Bilanci e previsioni dell’ex cancelliere tedesco

Egitto, trenta morti nell’agguato ai salafiti

Gruppo armato assalta i manifestanti che protestano davanti al ministero della Difesa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment