Famiglie yemenite denunciano gli USA: «Le vostre armi ci uccidono»

Famiglie yemenite denunciano gli USA: «Le vostre armi ci uccidono»

Loading

Un gruppo di famiglie yemenite si rivolge a un tribunale di Washington DC contro Raytheon, Lockheed Martin e General Dynamics: «Hanno agevolato crimini di guerra»

 

Da anni famiglie e organizzazioni yemenite provano a scalfire gli sponsor diretti e indiretti della guerra che dal marzo 2015 devasta il loro paese. Nove anni fa hanno denunciato in un tribunale statunitense l’allora presidente Obama e il capo della Cia Petraeus per l’uccisione di due civili in uno degli innumerevoli attacchi via drone che avrebbe dovuto colpire al Qaeda.

Nel 2018 hanno tentato di trascinare di fronte a una corte il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, burattinaio della quasi decennale operazione contro il movimento sciita Houthi. E poi gli Emirati arabi uniti, seconda forza della coalizione sunnita intervenuta in Yemen otto anni fa.

ADESSO TOCCA alle più grandi compagnie militari statunitensi, giganti che riempiono il globo di qualsiasi tipo di arma: Raytheon, Lockheed Martin e General Dynamics sono accusate, dalle famiglie yemenite che hanno mosso la denuncia, di «aiutare e agevolare crimini di guerra e omicidi extragiudiziali», attraverso il rifornimento di equipaggiamento bellico alla coalizione a guida saudita.

Denuncia presentata a una corte distrettuale di Washington Dc e che tira in ballo i due leader della guerra, il saudita Mohammed bin Salman e l’emiratino Mohammed bin Zayed, ma anche il segretario di Stato Usa Blinken e il capo del Pentagono Austin, responsabili dell’approvazione dei contratti di acquisto di armi a favore delle tre compagnie.

Due i casi citati (una strage a un matrimonio nel 2015 e una a un funerale l’anno dopo, rispettivamente 43 e 100 morti) «coperti» dal Torture Victim Protection Act statunitense del 1991 che permette alle vittime di crimini di ricevere risarcimenti se i responsabili si trovano negli Stati uniti.

«ANNO DOPO ANNO – si legge nella denuncia – le bombe cadono su tende per matrimoni, funerali, barche di pescatori, scuolabus, uccidendo migliaia di civili e aiutando a fare dello Yemen la più grande crisi umanitaria del mondo».

Gli ultimi dati della guerra li ha dati pochi giorni fa l’Onu: 375mila morti (di cui il 60% per cause indirette, ovvero fame e malattie), 21 milioni di persone bisognose di aiuti alimentari, 17 milioni sotto la soglia di povertà, 4,5 milioni sfollate interne.

Dopo il tetro bilancio, l’Onu ha denunciato la mancata generosità internazionale: dei 4,3 miliardi di dollari chiesti per tamponare la crisi nel 2023, ne sono arrivati appena 1,2. Nel 2022, solo 2,3.

* Fonte/autore: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Stati Uniti. Invii di armi a Israele, botte agli studenti

Loading

La Camera annulla la decisione di Biden di sospendere la consegna di armi a Israele. Il Washington Post: miliardari newyorkesi hanno fatto pressioni sul sindaco Eric Adams perché mandasse la polizia alla Columbia

Mosca condanna la top gun ucraina Berlino guida la protesta: liberatela

Loading

«Colpevole di due omicidi». Oggi si saprà l’entità della pena. Tensione con Kiev alle stelle

Il Venezuela entra, esce il Paraguay

Loading

Il 31 luglio di quest’anno il Venezuela entrerà  a pieno titolo nel Mercado Comàºn del Sur (Mercosur). Lo ha annunciato ieri la presidente dell’Argentina, Cristina Fernà¡ndez, durante il vertice del blocco regionale che si è svolto a Mendoza, nel suo paese. «Questa è una giornata storica che il Venezuela aspettava da 13 anni», ha detto Hugo Chà¡vez da Caracas, e ha definito la decisione «una lezione di etica e di politica vera e una disfatta sia per l’imperialismo nordamericano che per le borghesie lacchè della regione».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment