Nel 2022 si impenna la pena di morte: 883 uccisi dagli Stati

Nel 2022 si impenna la pena di morte: 883 uccisi dagli Stati

Loading

53% di esecuzioni in più rispetto all’anno precedente. I paesi peggiori sono l’Iran e l’Arabia Saudita

 

Nel 2022 c’è stata un’«impennata», riporta Amnesty International, nel numero di esecuzioni capitali: 883, il 53% in più rispetto all’anno precedente e il numero più alto dal 2017, quando erano state 993. E senza tenere conto della Cina di cui i dati non vengono registrati dal 2009 perché, come nel caso di Corea del Nord e Vietnam, «segretezza e procedure statali restrittive hanno continuato a ostacolare una valutazione accurata sull’uso della pena di morte». Il 90% delle condanne eseguite nel 2022 sono riconducibili a tre soli paesi: Egitto (che ha ucciso 24 persone), Arabia Saudita e Iran.

Nella monarchia del Golfo le esecuzioni sono addirittura triplicate rispetto al 2021, passando da 65 a 196, mentre i sauditi hanno anche il triste primato di essere l’unico Paese ad aver eseguito le pene attraverso la decapitazione, e di aver ucciso in un solo giorno ben 81 persone. Il record negativo è però detenuto di gran lunga dall’Iran, dove «nella seconda parte dell’anno, nel disperato tentativo di stroncare le proteste popolari» sono state messe a morte «persone che avevano solo esercitato il loro diritto di protesta», ha osservato la segretaria generale di Amnesty Agnès Callamard. E dove le esecuzioni nel 2022 sono aumentate dell’83% (da 314 a 576). La Repubblica islamica è inoltre presente in tutte le voci sull’applicazione della pena capitale in violazione del diritto internazionale. È il caso delle esecuzioni pubbliche, comminate per i commessi da persone ancora minorenni, con disabilità mentali (una violazione commessa anche dagli Stati uniti), emesse in seguito a «procedimenti penali non in linea con lo standard del giusto processo» e a confessioni estorte con la tortura. Infine, per crimini che non implicano l’omicidio volontario: dagli «atti contro lo stato» ai reati di droga. «Il numero delle persone messe a morte per reati di droga – evidenzia Amnesty – è più che raddoppiato rispetto al 2021»: il 37% del totale. Oltre che in Iran, in Arabia Saudita e Singapore. Esecuzioni in aumento anche negli Stati uniti, dove sono state 18: il 64% in più del 2021 (11). E riprendono in cinque stati, fra cui l’Afghanistan, Myanmar e Singapore.

Il 2022 si è chiuso però anche con qualche buona notizia: duepaesi – Guinea Equatoriale e Zambia – hanno abolito la pena di morte per i reati ordinari. Altri quattro – Kazakistan, Papua Nuova Guinea, Sierra Leone e Repubblica centrafricana – hanno detto addio al boia.

* Fonte/autore: Giovanna Branca, il manifesto

 

Image by PublicDomainPictures from Pixabay



Related Articles

Migranti: «Libia non sicura», il GIP dissequestra la nave Open Arms

Loading

Mediterraneo. Per il gip di Ragusa il comportamento della ong legittimato dallo stato di necessità

Il ministro Nordio inventa «modifiche tecniche» alla legge contro la tortura

Loading

La truffa delle etichette nella riforma richiesta dai sindacati autonomi di polizia. La scelta, Ministro, è politica. Ci appelliamo dunque a chiunque abbia a cuore lo Stato di diritto affinché esprima forte e radicale dissenso rispetto a chi vuole toccare la legge

Giornata dell’alimentazione. 815 milioni di affamati

Loading

Sono sempre di più le persone vittime di malnutrizione. 155 milioni sono bambini, costretti a sopravvivere cercando il cibo tra i rifiuti. I dati alla Giornata dell’alimentazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment