Naufragio a Lampedusa, morto bambino di 4 anni

Naufragio a Lampedusa, morto bambino di 4 anni

Loading

La gestione dei porti e in particolare la norma che vieta di compiere più di un salvataggio, sono l’oggetto di una denuncia presentata da cinque ong alla Commissione europea

 

Un bambino di quattro anni è morto nel naufragio avvenuto davanti Lampedusa del barchino sul quale stava viaggiando insieme ad altri migranti. Il corpo del piccolo, di origine subsahariana, probabilmente nigeriana, è stato sbarcato ieri a Reggio Calabria dalla nave Diciotti. La procura ha disposto assistenza psicologica per la madre. Dalla nave della Guardia costiera sono scesi nel capoluogo calabrese anche 881 migranti provenienti dall’isola delle Pelagie. Di questi 550 saranno accolti nelle strutture locali per poi essere trasferiti in altri centri di accoglienza secondo il riparto previsto dal ministero dell’Interno.

Intanto il Viminale ha indicato il porto di Ancona alla nave Humanity 1 con a bordo 199 migranti. L’arrivo è previsto per domani attorno alle 9 del mattino. Fra i naufraghi ci sono 65 minori: 49 non accompagnati, di cui 4 femmine una delle quali incinta, e 16 minori accompagnati. A bordo anche 90 uomini e 44 donne.

La gestione dei porti e in particolare la norma che vieta di compiere più di un salvataggio, sono l’oggetto di una denuncia presentata da cinque ong alla Commissione europea. Medici Senza Frontiere (Msf), Oxfam Italia, SOS Humanity, l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (Asgi) ed Emergency sostengono che ci sono «seri dubbi» sulla compatibilità di queste norme con il diritto dell’Ue e con gli obblighi dei Paesi membri dell’Ue in base allo stato di diritto internazionale per le attività di ricerca e salvataggio in mare. Per le ong le nuove norme impongono restrizioni «ingiustificate alle operazioni di ricerca e soccorso» tanto da limitare «drasticamente la loro capacità di salvare vite in mare».

Di salvataggi in mare e ong si è parlato infine anche a Strasburgo. L’Eurocamera ha dato il via libera alla richiesta di istituire una missione globale Ue di salvataggio in mare dei migranti. In una risoluzione non legislativa adottata per acclamazione il Parlamento Ue chiede agli stati membri e a Frontex di fornire maggiore capacità in termini di navi, attrezzature e personale alle operazioni di ricerca e soccorso e di garantire un approccio più proattivo e di collaborare anche con le navi delle Ong per salvare più efficacemente le vite in mare. Nella stessa risoluzione l’Eurocamera esprime profondo rammarico e dolore per i morti nel Mediterraneo.

* Fonte/autore: il manifesto



Related Articles

Non riesce l’accordo lampo Oggi Maroni torna a Tunisi

Loading

Rinvio sul rientro dei migranti. La Ue: legittimo l’asilo provvisorio

Sugli scafi botte e minacce’

Loading

 

In 300 su una barca di 15 metri. Con l’acqua razionata. E i trafficanti di esseri umani armati di coltello che picchiavano tutti, anche i bambini. Al tribunale di Palermo, per la prima vota, emerge la verità  sui viaggi della speranza dall’Africa a Lampedusa

Il razzismo quotidiano in Italia, Libro bianco sulle discriminazioni

Loading

Nel «Quinto libro bianco» Lunaria ha documentato in Italia 7.426 casi, tra cui 5.340 violenze verbali, 901 violenze fisiche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment