Il golpe migrante di Niamey

Il golpe migrante di Niamey

Loading

Le frontiere, le culture e le identità si spostano grazie a persone, storie e progetti di vita che sfidano in permanenza l’ordine (o il disordine) stabilito

C’è stata una migrazione geografica che solo il Sahel, l’altra riva secondo l’etimologia del termine, ha saputo annotare sulla polvere dal 26 luglio scorso, data del golpe di Niamey. Il Mali, il Burkina Faso e, ultimo arrivato per ora, Il Niger che il colpo di stato attraversa a tutt’oggi senza darlo troppo a vedere. Variegate le manifestazioni di appoggio ai golpisti, il presidio permanente alla zona deve sono stazionati i militari francesi, il nuovo governo installato e le bandiere nazionali esibite da tassisti e incauti motociclisti. Ai lontani confini del Paese permangono le frontiere chiuse a persone e mercanzie. Detenuto da allora al suo domicilio il presidente riconosciuto dalla comunità internazionale. Dal golpe migrante ai migranti del golpe che si realizza nell’invisibile presenza e transito degli ‘esodanti o avventurieri’, come si dice qui.

In effetti ogni migrazione infligge, a suo modo, un colpo di stato fatale al sistema. Le frontiere, le culture e le identità si spostano grazie a persone, storie e progetti di vita che sfidano in permanenza l’ordine (o il disordine) stabilito. C’è da prender atto che, nell’apparente banalità del viaggio, il più efficace golpe dell’umana avventura, è costituito dalle migrazioni. Folli imprese dove si rischia l’esistente per l’incertezza di un futuro immaginato differente. Per raggiungerlo si soffre e si rimpiange quanto si ha lasciato. C’è chi si accampa in strada, alle porte dell’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni o non lontano dalle stazioni dei bus in città. Il golpe dei migranti dura da millenni e continuerà malgrado i sistemi di sorveglianza, le frontiere armate, gli accordi di cooperazione coi fondi fiduciari di sostegno ai progetti di sviluppo. Il tutto giustificato per arrivare alle ‘cause profonde delle migrazioni’.

Ogni golpe è, di fatto, il tentativo del progetto migratorio da un regime all’altro, da una repubblica all’altra e da una democrazia all’altra. Migrano i militari e transumano i partiti politici. Migrano con loro anche gli opportunisti che, come sempre, non perdono l’occasione per salvarsi. Migra soprattutto il lavoro perduto, i soldi che non bastano, il cibo fattosi raro, i salari occasionali e i prezzi in aumento dei generi alimentari. Migrano le ong limitate nell’azione umanitaria, gli imprenditori di violenza armata che operano dove si offrono prospettive di occupazione e migrano i sogni che passano la frontiera con la piroga. Migrano i sogni di un’altra società possibile e gli ideali di un mondo in procinto di nascere da quello antico. Migrano, infine, le parole di verità prese in prestito dalla speranza che, forse domani, ci sarà una giustizia per i poveri.

 

  Mauro Armanino, Niamey, 17 settembre 2023

 



Related Articles

Feroci con lavoro e welfare

Loading

LA LINEA BCE. Trichet lascia i tassi di interesse invariati, ma è pronto ad abbassarli

Ucraina. «Sanzioni eccezionali», ma un documento fa emergere le ragioni della Russia

Loading

Crisi ucraina. Conferenza di Monaco senza Mosca. Documento-bomba dello Spiegel: nel 1991 gli Usa assicurarono ai russi che la Nato non si allargava a Est- Una nota diplomatica riservata tedesca, scoperta negli archivi inglesi

Testimone contro Thaqi «si suicida»

Loading

KOSOVO-CRIMINI  Sullo sfondo della crisi che vede la minoranza serba del nord-Kosovo sulle barricate per impedire che il governo kosovaro-albanese di Pristina avvii, con l’invenzione delle dogane, la costruzione di una frontiera inesistente con la Serbia, torna in superficie la vicenda dell’espianto di organi a civili serbi sequestrati e ad albanesi considerati «collaborazionisti», del quale furono protagoniste nel 1998, prima della guerra «umanitaria» della Nato, e poi nel 1999, le milizie dell’Uck comandate da Hashim Thaqi l’attuale premier del Kosovo «indipendente».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment