Dietro i raid contro lo Stato Islamico l’ombra della guardia nazionale sunnita

Dietro i raid contro lo Stato Islamico l’ombra della guardia nazionale sunnita

Loading

La seconda ondata di attac­chi aerei in Siria della coa­li­zione arabo-sunnita gui­data dagli Stati Uniti, si è con­cen­trata nella regione orien­tale di Dayr az Zor, al con­fine con l’Iraq, con­tro posta­zioni dello Stato isla­mico. I bom­bar­dieri Usa sono tor­nati a col­pire anche il valico fron­ta­liero di Albukamal-Qaim, hanno detto fonti siriane. Il Pen­ta­gono ha con­fer­mato un attacco in Siria e altri 4 in Iraq, vicino a Bagh­dad e Erbil. E agli aerei degli Usa e di cin­que paesi arabi – Ara­bia sau­dita, Qatar, Emi­rati, Gior­da­nia e Bah­rain – potreb­bero pre­sto unirsi anche quelli bri­tan­nici. La con­vo­ca­zione del Par­la­mento di Lon­dra in ses­sione straor­di­na­ria è stata fis­sata per domani. Il pre­mier Came­ron vuole una rispo­sta alla richie­sta di aiuto avan­zata dal governo iracheno.

Da parte sua Barack Obama ieri si è rivolto a tutti i musul­mani. Per dire, davanti alla pla­tea del Palazzo di Vetro riu­nita per l’appuntamento annuale, che gli Stati Uniti non sono in guerra con l’Islam. Ha inci­tato le comu­nità musul­mane a respin­gere con forza l’ideologia di Al Qaida e dello Stato Isla­mico. Ha esor­tato i gio­vani a ono­rare la tra­di­zione dell’islam, ossia l’istruzione, l’innovazione e la dignità della vita. «L’Islam inse­gna la pace e milioni di musulmani-americani fanno parte del nostro Paese. Non è uno scon­tro di civiltà», ha pro­cla­mato. Alla fine pochi applausi. Una rea­zione fredda che non sor­prende. E’ lon­tano il Barack Obama del 2009, il pre­si­dente Usa che all’Università del Cairo, con il suo discorso rivolto ai musul­mani, agli arabi, ai pale­sti­nesi, aveva fatto intra­ve­dere l’alba di un giorno di nuove rela­zioni tra l’America e un mondo sul quale il suo pre­de­ces­sore George W. Bush aveva infie­rito. Quel giorno non è mai arri­vato. Ma non è solo que­sto. Ciò che scon­certa è la pro­ponda ambi­guità della linea medio­rien­tale del pre­si­dente ame­ri­cano. Obama lan­cia le sue migliori forze mili­tari nella cam­pa­gna con­tro “l’oscuratismo e il fana­ti­smo” sapendo che gli Usa hanno di fatto aiu­tato la cre­scita di gruppi come lo Stato Isla­mico, assieme a quei paesi arabi che per anni hanno pro­get­tato e rea­liz­zato la deva­sta­zione dell’Iraq e della Siria finan­ziando l’estremismo reli­gioso. Il pre­si­dente ame­ri­cano sa che l’Arabia sau­dita ha sof­fiato sul fuoco della sol­le­va­zione dei sun­niti in Iraq con­tro il “governo sciita” aprendo la strada alle alleanze sul ter­reno che hanno favo­rito l’eccezionale avan­zata delle forze agli ordini dell’emiro dello Stato Isla­mico, Abu Bakr al Bagh­dadi. Sa che ancora i sau­diti, il Qatar e la Tur­chia hanno aiu­tato la cre­scita del sala­fi­smo jiha­di­sta in Siria, per abbat­tere l’apostata Bashar Assad alleato nel nemico ira­niano. Sa che Ankara esita ad entrare nella “coa­li­zione” per­chè con i jiha­di­sti ha sta­bi­lito intese segrete che hanno por­tato nei giorni scorsi al ritorno a casa degli ostaggi tur­chi in cam­bio della piena libertà per i muja­he­din feriti in com­bat­ti­mento e curati negli ospe­dali tur­chi. Sa che la Gior­da­nia ha libe­rato (ieri) con una sen­tenza di piena asso­lu­zione Abu Qatada — brac­cio destro per anni di Osama bin Laden in Europa — per­chè i ser­vizi segreti di re Abdal­lah con l’indulgenza nei con­fronti della vec­chia al Qaeda riten­gono di poter otte­nere un aiuto per con­te­nere la pene­tra­zione dello Stato Isla­mico nel regno hashemita.

Sa e tace per­chè gli obiet­tivi da rag­giun­gere sono cen­trali per gli inte­ressi sta­tu­ni­tensi in Medio Oriente e per quelli degli alleati che finanziano-combattono i “ter­ro­ri­sti”. Quello più a por­tata di mano è la fra­tu­ma­zione dell’Iraq e della Siria, tanto desi­de­rata dall’Arabia sau­dita che vi scorge una pos­si­bi­lità con­creta per limi­tare subito l’influenza nella regione di un Iran che ora preme alla sua porta meri­dio­nale, gra­zie all’ascesa dei ribelli Hou­thi (sciiti) inYe­men. Assi­ste­remo per­ciò a un replay, in Iraq e anche in Siria, delle poli­ti­che un tempo adot­tate da Bush e che Obama sta rispol­ve­rando. Ossia impie­gare tribù, clan, gruppi di potere sun­niti per con­te­nere lo Stato isla­mico, così come fece l’ex pre­si­dente Usa qual­che anno fa in Iraq con­tro al Qaeda. E’ chiaro il capo degli stati mag­giori Usa, Mar­tin Demp­sey, quando ha detto davanti al Senato: «Il nostro piano è quello di sepa­rare le tribù sun­nite dallo Stato isla­mico». Ma la con­tro­par­tita sta­volta deve essere più gene­rosa. Non inte­grare le mili­zie sun­nite nell’esercito nazio­nale ma creare una Guar­dia Nazio­nale dei sun­niti ira­cheni, sotto il comando dei governi locali. Durante la sua visita a Bagh­dad, il Segre­ta­rio di Stato John Kerry ha otte­nuto l’approvazione del primo mini­stro Hai­dar Abadi al pro­getto. Anche que­sto spiega l’insistenza con la quale gli ame­ri­cani hanno voluto l’allontamento dell’ex pre­mier ira­cheno Nouri al Maliki, che senza dub­bio ha com­messo errori gravi nella gestione dei rap­porti con la mino­ranza sun­nita ma che agli occhi degli ame­ri­cani era col­pe­vole soprat­tutto di fare ciò che voleva l’Iran.

Il modello della Guar­dia Nazio­nale è quello che gli ame­ri­cani hanno in mente anche per il futuro di una Siria spac­cata in più parti. Anche lì i sun­niti avranno una pro­pria Guar­dia, forte abba­stanza per argi­nare (e poi assor­bire i com­bat­tenti siriani dello Stato Isla­mico) e per com­bat­tere l’Esercito rego­lare siriano e i suoi alleati liba­nesi di Hez­bol­lah. Un dise­gno che spiega per­ché l’Iran, sia pure tra ambi­guità e con­trad­di­zioni, ha sospeso il coor­di­na­mento che aveva con gli Stati Uniti nella lotta allo Stato isla­mico. Teh­ran desi­dera la fine del “calif­fato” di al Bagh­dadi ma al suo posto non vuole ritro­varsi altri nemici, più potenti e meglio armati. L’altra sera il lea­der di Hez­bol­lah, Has­san Nasral­lah, alleato di Dama­sco e Teh­ran, è stato peren­to­rio quando ha pro­cla­mato la sua oppo­si­zione all’ingresso del Libano nella coa­li­zione. «Secondo noi l’America è la madre del ter­ro­ri­smo, la fonte del ter­ro­ri­smo – ha detto in diretta tv — Se c’è ter­ro­ri­smo nel mondo, guar­date all’America».



Related Articles

Europa debole con i forti, fortissima con i deboli

Loading

Profughi. Se decine di milioni di morti nelle guerre europee non sono un buon argomento per un continente unito, alcune decine di migliaia di migranti annegati lo saranno per un minimo di solidarietà umana?

Debito, nuovo record Pesano i pagamenti arretrati alle imprese

Loading

Fondi Ue, verso l’accordo con Bruxelles su interventi per 40 miliardi

Trionfo scontato per Bouteflika Ma metà Algeria non ha votato

Loading

Il presidente è rieletto con l’81,5% Astensione al 50%. Lo sfidante: “Brogli”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment