2014, l’anno delle crudeltà crescenti

2014, l’anno delle crudeltà crescenti

Il 2014 è stato l’anno delle cru­deltà cre­scenti. La guerra non si è arre­stata come mezzo di riso­lu­zione delle crisi ed è rie­splosa, dopo il disa­stro bal­ca­nico degli anni Novanta, ancora una volta in terra europea

È stato infatti l’anno dell’Ucraina, dove la pro­te­sta con­tro il pre­si­dente Yanu­ko­vich, che vedeva in piazza tutti i set­tori della società ucraina, è diven­tata alla fine vio­lenta e armata, con una forte pre­senza dell’estrema destra xeno­foba e neo­na­zi­sta e soprat­tutto nazio­na­li­sta ucraina in con­trap­po­si­zione non solo alla Rus­sia di Vla­di­mir Putin ma fatto ben più grave alla forte com­po­nente russa interna all’Ucraina, di lin­gua russa e aper­ta­mente filo­russa, quasi il 40% della popo­la­zione e mag­gio­ranza nelle regioni dell’est e dall’economia for­te­mente col­le­gata a quella russa. Uno scon­tro che pro­vo­cherà alla fine la dichia­ra­zione di seces­sione del Don­bass. Su piazza Maj­dan era com­parsa da feb­braio l’intera lea­de­ship mon­diale a sof­fiare sul fuoco della rivolta, e la destra ame­ri­cana capi­ta­nata dal sena­tore repub­bli­cano McCain che apriva così la sua cam­pa­gna elet­to­rale per le ele­zioni di mid­term, subito rin­corso da Obama che inviava da marzo su Maj­dan lo staff dell’intelligence Usa e lo stesso capo della Cia John Bren­nan. L’Unione euro­pea, senza poli­tica estera di fatto e alle prese con la sua crisi eco­no­mica, a fine 2013 aveva di fatto inne­scato la mic­cia vol­tando le spalle alle richie­ste di Kiev di un pre­stito che garan­tisse la crisi ucraina dal default sal­va­guar­dando la pos­si­bi­lità che il paese rima­nesse insieme neu­trale, fuori dai bloc­chi, e anco­rato eco­no­mi­ca­mente sia all’Ue che alla Csi, la Comu­nità degli stati indipendenti.

Così la Ue si è con­se­gnata nelle mani della Nato che dalla fine dell’89 invece di scio­gliersi si è rilan­ciata con la guerra «uma­ni­ta­ria» del 1999 con­tro l’ex Jugo­sla­via, ridi­slo­cando alla fron­tiera russa e in tutti i paesi dell’ex Patto di Var­sa­via, basi mili­tari, sistemi d’arma, avvio di scudo anti­mis­sile, fer­reo con­trollo dei bilanci mili­tari e rilan­cio del mer­cato della armi Usa.

La rea­zione della Rus­sia è stata dura con la rian­nes­sione della Cri­mea, già pro­vin­cia russa e il soste­gno logi­stico agli indi­pen­den­ti­sti delle regioni dell’est, subendo per que­sto san­zioni e ricatti. Ora dalle 80 vit­time della repres­sione di piazza Maj­dan e dalle 40 vit­time della strage di Odessa ad opera dei gruppi neo­na­zi­sti, siamo a più di cin­que­mila morti di una guerra civile senza esclu­sione di colpi. Men­tre il nuovo governo di Kiev sta eri­gendo un nuovo muro al con­fine russo e il par­la­mento vota la fine della neu­tra­lità verso l’adesione alla Nato, vale a dire l’organismo «respon­sa­bile della crisi ucraina, denun­cia l’ultimo numero della pre­sti­giosa rivi­sta ame­ri­canaForeign Affairs.

A somma di cru­deltà, il 2014 è stato anche l’anno della nascita dello Stato isla­mico (Isis), il Calif­fato. Una nascita sor­pren­dente? Mica tanto. Se solo si riflette sul disa­stro pro­vo­cato dall’intervento mili­tare della Nato con­tro Ghed­dafi nel 2011, in aperto soste­gno agli insorti isla­mi­sti. Ora la Libia è nel caos di una guerra civile feroce, men­tre in Cire­naica è stato pro­cla­mato l’«Emirato isla­mico» e Ben­gasi è il san­tua­rio di armi e mili­ziani che ali­menta la guerra civile in Siria. Dove gli «Amici della Siria», cioè buona parte dell’Occidente a guida Usa e le petro­mo­nar­chie sun­nite hanno ten­tato, non riu­scen­doci, la stessa ope­ra­zione libica. A costo di decine di migliaia di morti, per gran parte civili. L’Isis è nato da quella deva­sta­zione, prima in Siria e gra­zie alle armi e all’addestramento nelle basi mili­tari della Tur­chia (baluardo Nato), poi nel nord dell’Iraq. Eppure con l’uccisione di Osama bin Laden, Al Qaeda era una «mis­sione com­piuta» dell’Amministrazione ame­ri­cana, invece è rinata con migliaia di mili­ziani di Al Nusra in Siria e si è inve­rata in un nuovo scel­le­rato e gio­vane movi­mento ultra-islamista, il Calif­fato, in Iraq — pro­prio nelle zone, come Fal­luja, che videro le imprese san­gui­nose dell’occupazione e della guerra ame­ri­cana. Ora per com­bat­terlo cor­rono ai ripari bom­bar­dan­doli, cioè bom­bar­dano l’impresa degli «Amici della Siria» che hanno messo in piedi, e aiu­tando al ribasso i com­bat­tenti kurdi che finora l’Occidente ha con­si­de­rato «ter­ro­ri­sti». Un rove­scio per gli Usa, che hanno visto con il disa­stro libico e l’assassinio dell’ambasciatore Usa Chris Ste­vens l’uscita di scena del segre­ta­rio di stato Hil­lary Clin­ton e il capo della Cia David Petraeus; e con quello siriano-iracheno, la defe­ne­stra­zione del capo del Pen­ta­gono Chuck Hagel.

Come se non bastasse la cru­deltà già sul campo, l’estate scorsa abbiamo assi­stito ad un nuovo mas­sa­cro di pale­sti­nesi a Gaza. L’operazione «Mar­gine pro­tet­tivo» del governo israe­liano d’estrema destra di Ben­ja­min Neta­nyahu, lan­ciata uffi­cial­mente per fer­mare i lanci di razzi di Hamas, in realtà per impe­dire sul nascere il governo di unità nazio­nale pale­sti­nese tra Fatah e Hamas, ha pro­vo­cato 2.200 morti, set­te­mila feriti, 89mila case distrutte, semi­di­struute e lesio­nate. Nel silen­zio della comu­nità inter­na­zio­nale e dell’Italia che, fana­lino di coda in Europa, non osa affron­tare il nodo della nascita dello Stato di Pale­stina. Ultima ma pro­prio ultima la strage di pochi giorni fa di Pesha­war dei tale­bani paki­stani, a ricor­dare che la scia di san­gue della guerra in Afgha­ni­stan, dove gli Stati uniti restano in armi, ritorna lì dove il movi­mento tale­bano è stato inven­tato. Si dirà che alla fine c’è una novità non cru­dele: il disgelo e l’annuncio di ripresa dei rap­porti diplo­ma­tici fatto da Obama tra Cuba e Usa. Certo la spe­ranza è grande, soprat­tutto all’Avana. Ma la vit­to­ria repub­bli­cana nelle ele­zioni ame­ri­cane di mid­term dice che la loro forza in mag­gio­ranza nelle due Camere Usa si opporrà per­ché il disgelo sia reale e venga abro­gata la legge Helms-Burton che impe­di­sce gli scambi eco­no­mici. E poi c’è la ripresa Usa, il Pil che aumenta del 5%.

Così il mondo si ritro­verà un’America più ricca (per i ric­chi), con mag­giore capa­cità di far pagare i costi della crisi (e quelli mili­tari) altrove, come in Europa (v. la vicenda South Stream), più social­mente fra­gile visto che le riforme di Obama, come quella deci­siva della sanità, non sono pas­sate, e insieme più raz­zi­sta come dimo­stra la lita­nia di ucci­sioni di afroa­me­ri­cani, quasi una guerra civile, da parte della poli­zia. Dav­vero appena uno spi­ra­glio di luce si apre ritorna il buio. Fac­ciamo che cre­sca la spe­ranza, impe­diamo che resti solo la pro­spet­tiva «uma­ni­ta­ria» della guerra.



Related Articles

Costituzione tunisina Sì a religione ufficiale

Tre anni dopo la rivoluzione dei gelsomini che depose Ben Ali, oltre due dall’inizio dei lavori della Costituente, la Tunisia è finalmente entrata ieri nella «fase finale» della transizione con l’adozione dei primi articoli della Carta fondamentale.

Israele. La Suprema Corte approva la deportazione del direttore di Human Rights Watch

I massimi giudici israeliani hanno accolto le motivazioni del governo e messo fine alla battaglia legale che il direttore locale di Human Rights Watch, accusato di sostenere il boicottaggio di Israele, combatteva da oltre un anno

Sui repubblicani l’ombra del Partito del Tè rischio boomerang per il fronte estremista

La prova di forza di Sarah Palin nell’imporre i suoi candidati si sta rivelando un’arma a doppio taglio. In Alaska la contesa tra i conservatori rischia di favorire il rappresentante dei progressisti

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment