Tito Boeri è il nuovo presidente dell’INPS

Tito Boeri è il nuovo presidente dell’INPS

Il Consiglio dei ministri ha nominato l’economista Tito Boeri nuovo presidente dell’INPS, l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. L’attuale presidente del’INPS era provvisoriamente Tiziano Treu, nominato commissario straordinario lo scorso settembre dal governo Renzi.

Treu aveva sostituito Antonio Mastrapasqua, dimessosi nel febbraio 2014. Mastrapasqua ricopriva moltissimi altri incarichi e negli anni Novanta, scrisse un’inchiesta di Libero, era stato condannato a 10 mesi di carcere “per aver comprato, con la complicità di alcuni bidelli, esami universitari mai sostenuti”. Lo stesso Boeri commentò la cosa sarcasticamente su Twitter.

Tito Boeri ha 56 anni, si è laureato in Economia alla Bocconi (dove è attualmente professore) e ha conseguito un dottorato alla New York University. Insegna anche alla London School of Economics, è direttore scientifico della Fondazione Rodolfo Debenedetti e ha pubblicato diversi libri e articoli scientifici: è stato consulente presso l’OCSE, la Commissione Europea, la Banca Centrale Europea, la Banca Mondiale e il governo italiano. È rispettato editorialista di Repubblica e principale fondatore del sito di informazione economica lavoce.info; ha anche una rubrica su Internazionale. Nella biografia sul sito della Bocconi ha indicato come aree di interesse l’economia del lavoro e la distribuzione del reddito. Su Twitter è @Tboeri. È fratello del famoso architetto Stefano Boeri e del giornalista Sandro Boeri, a lungo direttore della rivista Focus.



Related Articles

Ecco i «giacimenti» inutilizzati di lavoro

Sono almeno mezzo milione i posti che restano scoperti per mancanza di qualificazione

Bondi rilancia: sforbiciate per 9 miliardi

Produzione industriale, nuovo calo. Bonanni: niente tagli agli statali o sarà  mobilitazione

La rivolta dei call center: “Disoccupati per il massimo ribasso”

Sciopero. I lavoratori incrociano le cuffiette l’11 marzo per manifestare a Roma: sono ottomila i posti a rischio dopo le gare di Enel e Poste. Slc Cgil: «I costi non coprono i contratti di lavoro». Allarme da Gepin ad Almaviva, che scrive al governo: «Basta con la competizione sleale»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment