Perché Erri De Luca deve essere assolto

Perché Erri De Luca deve essere assolto

Il 28 gen­naio avrà ini­zio il pro­cesso a Erri De Luca, impu­tato di aver pub­bli­ca­mente isti­gato a delin­quere, indu­cendo al dan­neg­gia­mento di cose, inci­tando a vio­lare i divieti di accesso in aree di inte­resse stra­te­gico e mili­tare. L’incriminazione è con­se­guenza di una inter­vi­sta rila­sciata al quo­ti­diano Huf­fing­ton post dove lo scrit­tore par­te­no­peo ha espresso la sua “ruvida” opi­nione sulla vicenda della costru­zione della Tav in Val di Susa. Senza mezzi ter­mini ha soste­nuto che la Tav dovesse essere “sabo­tata”, men­tre le cesoie fos­sero “utili a tagliare le reti”.

La domanda veniva posta con rife­ri­mento spe­ci­fico all’arresto di due ragazzi, ma è vero che le con­si­de­ra­zioni dell’intervistato erano rife­rite in gene­rale alla lotta dei No Tav. Dopo que­sta inter­vi­sta – ma anche in pre­ce­denza – alcuni atti di sabo­tag­gio sono stati com­piuti da atti­vi­sti del movi­mento No Tav, riven­di­can­done, in certi casi, il valore “sim­bo­lico”. Da qui l’incriminazione.

Si può non essere per nulla d’accordo con quanto soste­nuto nell’intervista, rite­nere per­sino peri­co­lose o con­tro­pro­du­centi le affer­ma­zioni ripor­tate, ma evi­den­te­mente non è que­sto quel che può rile­vare in sede pro­ces­suale. La vera que­stione tra­scende di gran lunga la vicenda in sé, coin­vol­gendo pie­na­mente la nostra con­ce­zione di demo­cra­zia. In gioco sono, da un lato, i con­fini alla libertà di mani­fe­sta­zione del pen­siero, dall’altro e paral­le­la­mente, l’ambito dei reati d’opinione che l’abuso di tale libertà san­ziona. Que­stioni vera­mente di fondo del nostro vivere civile. Appare oppor­tuno, allora, chia­rire anzi­tutto il qua­dro dei prin­cipi costi­tu­zio­nali coin­volti per veri­fi­care poi come que­sti si spe­ci­fi­cano nel caso concreto.

La nostra Costi­tu­zione richiama un solo limite espresso che può opporsi alla libertà di mani­fe­stare il pro­prio pen­siero, quello del “buon costume”. Limi­ta­zioni ulte­riori pos­sono aggiun­gersi, ma – come è scritto nel più noto sag­gio sul tema – «sono solo quelle che in via di stretta inter­pre­ta­zione ed espli­ca­zione delle for­mule pos­sano dirsi san­cite dalla carta costi­tu­zio­nale» (così Carlo Espo­sito nel lon­tano 1958). Anche la Corte costi­tu­zio­nale, nella sua pur oscil­lante giu­ri­spru­denza, non ha mai avuto dubbi nel rite­nere che le limi­ta­zioni alla libertà di mani­fe­stare il pro­prio pen­siero «devono tro­vare fon­da­mento in pre­cetti e prin­cipi costi­tu­zio­nali» (così la sen­tenza 9 del 1965). In que­sta pro­spet­tiva il prin­ci­pale limite alla libertà di opi­nione è legata alla neces­sità di tute­lare un prin­ci­pio altret­tanto – se non ancor più – impor­tante per il nostro sistema di valori costi­tu­zio­nali: la dignità della per­sona. Da qui l’illegittimità di tutte quelle espres­sioni di natura offen­siva dell’onore altrui e la sicura legit­ti­mità – anzi neces­sa­rietà – della pre­vi­sione dei reati di dif­fa­ma­zione e ingiu­ria posti a pro­te­zione di un valore costi­tu­zio­nale fondamentale.

Vi sono poi altre figure più con­tro­verse. Quando il reato di vili­pen­dio che può essere fatto valere come limite alle opi­nioni espresse è posto per tute­lare non la per­sona, ma le isti­tu­zioni repub­bli­cane o i sim­boli nazio­nali (la ban­diera). Figure a sé, infine, sono quelle col­le­gate alla disci­plina del segreto: in alcuni spe­ci­fici casi il limite alla libera mani­fe­sta­zione del pen­siero può tro­vare fon­da­mento dalla neces­sità di tute­lare gli inte­ressi “supremi” della nazione.

Secondo molti a quest’elenco è neces­sa­rio aggiun­gere altri due tipi di limi­ta­zioni, legate alla ripu­gnanza dell’opinione per la coscienza demo­cra­tica, ovvero alla tutela dell’ordine pub­blico. Nel primo caso si ritiene legit­timo per­se­guire chi incita all’odio raz­ziale, al geno­ci­dio, al fem­mi­ni­ci­dio, chi inneg­gia a ideo­lo­gie con­tra­rie all’ordinamento demo­cra­tico (l’apologia di fasci­smo). In altri ordi­na­menti – è noto – è reato soste­nere le aber­ranti tesi dei nega­zio­ni­sti. Nel secondo caso rien­trano le varie ipo­tesi di isti­ga­zione a delin­quere. È noto che que­sti due ultimi casi sono assai con­te­stati. In molti riten­gono che non si deb­bano per­se­guire penal­mente né le opi­nioni ripu­gnanti, né le opi­nioni che si pon­gano in con­tra­sto con un valore costi­tu­zio­nal­mente assai inde­ter­mi­nato com’è quello di ordine pub­blico. Non la puni­zione, ma la con­vin­zione, l’educazione, il dibat­tito pos­sono “repri­mere” e iso­lare le opi­nioni igno­bili o quelle peri­co­lose (sem­pre che – come subito vedremo – le parole pro­nun­ciate non si tra­du­cano in azione ovvero com­mis­sione diretta del fatto-reato). D’altronde a fronte di un troppo vago pre­cetto costi­tu­zio­nale da tute­lare (“ripu­gnanza” demo­cra­tica dell’opinione o tutela dell’ordine pub­blico) sem­bra dove­roso far sem­pre pre­va­lere il prin­ci­pio — ben defi­nito in costi­tu­zione all’articolo 21 — della libertà di mani­fe­stare il pro­prio pensiero.

Que­sto in sin­tesi il qua­dro dei limiti alla libertà del pen­siero. Può util­mente aggiun­gersi che le diverse ipo­tesi non si pon­gono tutte su un mede­simo piano: godono, invece, di un diverso grado di inten­sità a seconda del prin­ci­pio costi­tu­zio­nale che cia­scuna di esse tutela. Men­tre mas­sima dev’essere la pro­te­zione for­nita alle offese all’onore altrui, poi­ché garan­ti­scono il prin­ci­pio fon­da­men­tale della dignità della per­sona, più bilan­ciata deve essere quella giu­sti­fi­cata dalla neces­sità di pro­te­zione di prin­cipi costi­tu­zio­nali meno defi­niti e che potranno rive­larsi spesso reces­sivi di fronte al prin­ci­pio di libertà del pensiero.

Il caso dell’istigazione rien­tra tra que­sti ultimi. Secondo la giu­ri­spru­denza sia ordi­na­ria (ad esem­pio, Cas­sa­zione n. 40552 del 2009) sia costi­tu­zio­nale (ad esem­pio la sen­tenza n. 65 del 1970) non basta che l’istigazione sia for­mu­lata, poi­ché in tal caso si avrebbe una legit­tima mani­fe­sta­zione del pen­siero, ciò che appare deci­sivo è che essa, per le sue moda­lità, risulti essere stata con­cre­ta­mente ido­nea a pro­vo­care la vio­la­zione delle norme penali e la com­mis­sione dei delitti. Ciò vuol dire che deve essere dimo­strata la diretta con­nes­sione tra le parole pro­nun­ciate e le azioni cri­mi­nose conseguenti.

A me sem­bra che que­sto sia il punto deci­sivo per orien­tarsi nella con­tro­versa vicenda Erri De Luca. Il merito delle opi­nioni espresse dallo scrit­tore non pos­sono essere sin­da­cate da nes­sun giu­dice, in nes­sun tri­bu­nale, coperte come sono da una garan­zia costi­tu­zio­nale fon­da­men­tale che assi­cura la libertà di mani­fe­stare qua­lun­que opi­nione (anche la più radi­cale o – al limite – sovversiva).

Nel caso di spe­cie, inol­tre, nes­suna offesa alle per­sone può essere fatta valere, tant’è che non si tratta certo di un pro­cesso per dif­fa­ma­zione o ingiu­ria, né sono in discus­sione gli altri casi in cui può esservi una più o meno legit­tima limi­ta­zione delle opi­nioni (vili­pen­dio alle isti­tu­zioni, vio­la­zione di un segreto di stato). Chi volesse con­dan­nare lo scrit­tore napo­le­tano ha una sola via: dovrebbe dimo­strare la con­nes­sione tra le parole pro­nun­ciate e le azioni cri­mi­nose per­pe­trate in con­se­guenza imme­diata e diretta dell’intervista. Una via imper­via, una prova dia­bo­lica. Non suf­fra­gata dai fatti conosciuti.

Infatti, è noto che già da tempo, ben prima dell’intervista incri­mi­nata, azioni di taglio delle reti di pro­te­zione dei can­tieri e altre azioni penal­mente rile­vanti sono state poste in essere in Val di Susa come forme di pro­te­sta estrema. Azioni con­dan­na­bili, ma certo non ricon­du­ci­bili all’istigazione di De Luca, il quale ha espresso la sua discu­ti­bile opi­nione con rife­ri­mento pro­prio a tali fatti. Dopo l’intervista altre azioni ana­lo­ghe sono state com­piute. Siamo dun­que in pre­senza di sog­getti che hanno adot­tato da tempo moda­lità di oppo­si­zione poli­tica che pre­vede anche azioni di vio­la­zione di leggi rite­nute ingiu­ste. Un’enorme que­stione che riguarda le forme legit­time del con­flitto in una demo­cra­zia costi­tu­zio­nale. Una discus­sione che dovrebbe essere affron­tata con serietà, in primo luogo tanto dal movi­mento No Tav, quanto dalle isti­tu­zioni demo­cra­ti­che. Ma ciò con l’intervista al Huf­fing­ton post non c’entra nulla. Per que­sto Erri De Luca dovrebbe essere assolto, men­tre la poli­tica dovrebbe tor­nare ad incon­trarsi in Val di Susa.


Tags assigned to this article:
erri de lucaNo TavsabotaggioTavVal di Susa

Related Articles

James Galbraith: “L’Europa si vergogni ha ricattato la Grecia e l’ha resa disperata”

L’irritazione di James Galbraith, economista dell’università del Texas, supera ogni immaginazione. «Leggete il documento approvato. E’ una menzogna fin dalla prima riga”

Il papa ripudia la guerra, ma la cerimonia è militarizzata

Redipuglia. Le parole pacifiste del papa stridono con il contesto. La ministra Pinotti gli dona un altare da campo

I medici ribelli del Bahrein: «Il mondo ora deve aiutarci»

Condannati a 15 anni per aver curato i manifestanti Nada Dhaif, 39 anni, dentista, non dorme da tre giorni: «Da un momento all’altro possono arrestarmi, le mie due bambine non sanno della condanna a 15 anni ma sono sconvolte, mi abbracciano per ore, chiedono “mamma stai per morire?”. Cosa sarà  di loro? È una tortura peggiore di quelle subite in carcere, compreso l’elettrochoc».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment