Hori­zon 2020, l’Europa somiglierà a Matrix

Hori­zon 2020, l’Europa somiglierà a Matrix

Incubo sicurezza: un progetto da 77 miliardi. Dall’Europa delle banche all’Europa dei droni, un incubo con Esa e Frontex come protagonisti. Dalle frontiere alle conversazioni, dati, scopi e rischi del nuovo sistema di sorveglianza che è anche un modello industriale e di sviluppo basato sull’integrazione di interessi tra agenzie europee, centri di ricerca e corporation militari

L’Europa delle ban­che è sor­pas­sata, ormai, quella futura sarà l’Europa dei droni. O meglio dei sistemi di sor­ve­glianza auto­ma­tiz­zati. Si chiama Hori­zon 2020 la trave por­tante della nuova archi­tet­tura euro­pea. Un nome pom­poso per un pro­getto molto ambi­zioso che rimo­del­lerà diritti e abi­tu­dini dei cit­ta­dini, facen­doli asso­mi­gliare ad un incubo tipo Matrix.

Per­ché dopo la moneta unica, il passo suc­ces­sivo che è stato deciso dalla tec­no­cra­zia di Bru­xel­les per arri­vare a una reale inte­gra­zione euro­pea riguarda il set­tore della sicu­rezza. A par­tire dalle fron­tiere per arri­vare ai con­trolli delle con­ver­sa­zioni tele­fo­ni­che e ai fil­traggi delle atti­vità sui social media. Tutto in un’ottica di pre­ven­zione dei rischi: dalle cata­strofi natu­rali al ter­ro­ri­smo, dal cyber­crime alla pre­ven­zione di som­mosse e crisi sociali ai traf­fici di droga, pas­sando per l’integrazione degli inter­venti euro­pei in caso di inter­ru­zioni tem­po­rea­nee di ser­vizi e approv­vi­gio­na­menti idrici e ener­ge­tici in un sin­golo paese o in una zona dell’Europa. Tutto ruota però attorno ai grandi movi­menti di esseri umani e al con­trollo, satel­li­tare e non, delle fron­tiere esterne e interne all’Unione.

Hori­zon 2020 è dotato di un fondo da 77 miliardi di euro ma que­sta cifra, pur nella sua enor­mità, è solo una parte dell’investimento che le isti­tu­zioni euro­pee hanno fatto e che ser­virà a cata­liz­zare su que­sto campo ricerca scien­ti­fica avan­zata, inno­va­zione indu­striale, pro­du­zione di sistemi da espor­tare all’interno del bacino d’azione, l’area del Medi­ter­ra­neo, e fuori, oltre a con­di­zio­nare l’impiego delle risorse dei sin­goli Stati.

Prima di Hori­zon 2020 infatti ci sono stati sette «pro­grammi qua­dro»: così sono stati defi­niti i piani plu­rien­nali di svi­luppo di un pro­gramma di archi­tet­tura sociale ora inti­to­lato: «Società sicure: tute­lare la libertà e la sicu­rezza dell’Europa e dei suoi cittadini».

Il piano Società sicure, che è un po’ la filo­so­fia di tutto l’impianto, è stato dif­fuso pro­prio ieri dalla piat­ta­forma di data-journalism Sta­teWatch, che porta avanti da anni l’eredità di Sno­w­den pub­bli­cando rap­porti della Com­mis­sione euro­pea, con tanto di bud­get e rimandi ai piani spe­ci­fici su ogni sin­golo aspetto del pro­getto com­ples­sivo, pro­getti dai nomi poe­tici — Brid­ges, G-Sextant, G-Mosaic, Sea­Billa– cofi­nan­ziati dalle grandi agen­zie euro­pee — da Fron­tex all’Agenzia spa­ziale euro­pea, l’Esa — e dalle cor­po­ra­tion industrial-militari come Fin­mec­ca­nica, Tha­les, Bae system e molte altre, ma anche da uni­ver­sità e cen­tri di ricerca in Ita­lia e negli altri 27 Stati mem­bri, pro­getti ai quali spesso col­la­bora come part­ner anche la Nato. E non solo.

Nell’ambito del pro­getto Per­seus, atti­vato nel 2011 e appena ter­mi­nato (32 part­ner tra cui la Nato e 13 paesi tra cui l’Italia, costo totale 42 milioni di euro di cui 27 a carico della Ue), ser­vito come per tra­ghet­tare il know-how acqui­sito nel set­timo Piano Qua­dro nella nuova cor­nice di Hori­zon 2020, si pre­vede anche la rea­liz­za­zione di un aliante subac­queo senza equi­pag­gio, un drone marino dotato di idro­fono, cioè di un sistema acu­stico com­pu­te­riz­zato per cap­tare gli impulsi sonori da varie sor­genti e deco­di­fi­care i segnali. Il drone marino attra­verso appo­siti algo­ritmi sarebbe in grado di clas­si­fi­care i natanti, la loro gran­dezza e il loro carico.

L’Ue ha recen­te­mente stan­ziato 24 milioni di euro per la ricerca di nuovi pro­to­tipi di droni «made in Europe», all’interno del «Secu­rity research pro­gramme», un pro­gramma da 1,7 miliardi di euro. Oltre ai droni ci sono radar, moto­ve­dette, nuovi aero­mo­bili e data-system in grado di rea­liz­zare model­lini in 3D o di fil­trare enormi quan­tità di dati da con­ver­sa­zioni tele­fo­ni­che di dispo­si­tivi fissi e mobili, tablet e smart­phone. C’è anche un pro­getto di ricerca per valu­tare i pos­si­bili rischi di per­dita della pri­vacy (3 milioni di euro). Ma è dieci volte più ricco il bud­get del bien­nio 2015–2016 per stu­diare un metodo di scree­ning a distanza del com­por­ta­mento deviante, «non con­forme» in situa­zioni di calca, una sorta di pre­fil­trag­gio che limiti l’utilizzo di per­so­nale di frontiera.

Il pro­getto dovrà stu­diare anche il qua­dro giu­ri­dico dell’implementazione di un simile sistema e gli even­tuali rischi sociali. Si legge espres­sa­mente che «si tratta anche di valu­tare l’accettabilità da parte della società di una per­dita par­ziale della pri­vacy oltre ai rischi di discri­mi­na­zione». Ne fa parte il pro­getto Tass, Total Air­port Secu­rity, gui­dato dalla società israe­liana Verint System, con part­ner come la Bae System bri­tan­nica per l’integrazione dei sistemi di con­trollo aeroportuali.

Nel sogno dei tec­no­crati — Società sicure — si descrive un’Europa dove un viag­gia­tore, a seconda dei para­me­tri bio­me­trici rile­vati a distanza e dello scree­ning infor­ma­tico sui suoi rap­porti, sarà giu­di­cato «con­forme» e quindi pas­serà veloce, «senza ral­len­ta­menti» ai var­chi di fron­tiera. E altri — è facile imma­gi­nare chi — invece saranno sot­to­po­sti a con­trolli e respingimenti.



Related Articles

La liberazione dell’ex terrorista dei Pac indigna tutte le forze politiche

Battisti, la rabbia di Napolitano “Lesi gli accordi con il Brasile”  Il governo: “Ricorso all’Aja”. Calderoli: boicottare i loro Mondiali  

Un contingente italiano ai confini russi? Bufera baltica sul governo

Guerra Fredda 2.0. L’Italia farà parte di uno dei quattro battaglioni dell’Alleanza schierati nei Paesi ex sovietici. Dopo le rivelazioni del segretario Nato, Gentiloni conferma, Pinotti minimizza e Renzi ci scherza su. Furiose le opposizioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment