I 7 punti della pace russa: Assad non c’è

I 7 punti della pace russa: Assad non c’è

Mosca ha fretta e potrebbe sca­ri­care Assad. Vuole chiu­dere la que­stione siriana il prima pos­si­bile, vista l’inattesa len­tezza della con­trof­fen­siva gover­na­tiva a nord-ovest. Una fretta rac­chiusa in sette punti, un piano di pace che dovrebbe essere al cen­tro del nuovo round di nego­ziati, il 13 novem­bre a Gine­vra. A ripor­tare la noti­zia erano ieri il sito arabo indi­pen­dente al-Bawaba e dal turco Ana­dolu, citando la Gazeta russa.

I 7 punti si fon­dano – dice l’ufficio stampa del governo russo – sulla for­mula “nes­sun vin­ci­tore, nes­sun per­dente”: ces­sate il fuoco e stop al rifor­ni­mento di armi alle oppo­si­zioni siriane; nego­ziati tra governo, Eser­cito Libero Siriano e oppo­si­zioni mode­rate che porti al rila­scio dei pri­gio­nieri e alle ele­zioni par­la­men­tari e pre­si­den­ziali; assi­mi­la­zione dei gruppi armati di oppo­si­zione e delle mili­zie sciite pro-governative nell’esercito di Dama­sco; garan­zia a non per­se­guire Assad e la sua fami­glia; man­te­ni­mento della pre­senza mili­tare russa die­tro riso­lu­zione Onu.

Ma soprat­tutto la Rus­sia assi­cu­re­rebbe che Assad non par­te­ci­perà per­so­nal­mente alle ele­zioni pre­si­den­ziali, nomi­nando al suo posto una figura di fidu­cia. Se il piano di pace in que­stione venisse con­fer­mato, sarebbe la dimo­stra­zione della “sacri­fi­ca­bi­lità” del pre­si­dente. Mosca ha invi­tato in Rus­sia la pros­sima set­ti­mana rap­pre­sen­tanti del governo e delle oppo­si­zioni mode­rate, che fareb­bero parte della lista di 38 per­so­na­lità con­se­gnata dal fronte anti-Assad al mini­stro Lavrov a Vienna (tra loro l’ex pre­si­dente della Coa­li­zione Nazio­nale Siriana Moaz al-Khatib e quello attuale, Kha­led Khoja).

A ten­ten­nare sono gli Stati Uniti secondo cui la par­te­ci­pa­zione delle oppo­si­zioni sarebbe pre­ma­tura. Washing­ton, che ha meno fretta, cerca di inde­bo­lire la posi­zione di una Rus­sia nelle vesti di paci­fi­ca­tore che met­tono in ombra lo sto­rico ruolo sta­tu­ni­tense. Que­sto spiega la dop­pia stra­te­gia Usa: da una parte coo­pera, dall’altra critica.

Ieri fun­zio­nari della sicu­rezza Usa hanno ripor­tato di un incre­mento della pre­senza mili­tare russa in Siria: 4mila uomini e non i 2mila sti­mati all’inizio dell’operazione aerea. Il giorno prima, però, le avia­zioni di Rus­sia e Stati Uniti hanno com­piuto eser­ci­ta­zioni con­giunte nei cieli siriani, per adde­strarsi a seguire le misure di sicu­rezza pre­vi­ste dal memo­ran­dum di intesa fir­mato due set­ti­mane fa da Casa Bianca e Crem­lino. Nelle stesse ore, i jet russi col­pi­vano 24 tar­get isla­mi­sti, sulla base di coor­di­nate for­nite da oppo­si­zioni pre­senti sul ter­reno, il primo caso di coor­di­na­mento diretto tra Mosca e forze anti-Assad.

Stra­te­gie che potreb­bero appa­rire schi­zo­fre­ni­che, ma che sono lo spec­chio degli obiet­tivi di Mosca. Non sal­vare Assad, ma i pro­pri inte­ressi: il pre­si­dente Putin vuole uno sbocco sul Medi­ter­ra­neo, garan­tirsi un posto nel busi­ness della rico­stru­zione, legare a sé la nuova Dama­sco (e di con­se­guenza Bagh­dad, e in parte Tehe­ran), un Medio Oriente fon­dato su equi­li­bri di potere gestiti non più solo dalla Casa Bianca.



Related Articles

Lo spettro di Chà¡vez sul voto nel Paese che rischia il crac

Domenica prossima le elezioni per scegliere il nuovo presidente dopo la morte dello storico comandante Un’eredità  difficile: con il petrolio la nazione pensava di conquistare il mondo, ma ora è costretta a ricominciare.   Maduro-Capriles è la sfida tra il pupillo dell’ex comandante e la borghesia Il governo un mese fa è stato costretto a svalutare la moneta, il bolivar, del 46 per cento 

Brasile al ballottaggio, col fiato sospeso aspettando l’improbabile virada

Oggi si vota. Il fascista Bolsonaro in vantaggio nei sondaggi. Ma il dato di São Paulo fa sperare: Haddad è dato al 51%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment