Presentato ‘Apocalisse umanitaria’, rapporto sui Diritti Globali

Presentato ‘Apocalisse umanitaria’, rapporto sui Diritti Globali

E’ stato presentato il quindicesimo rapporto sui Diritti Globali, intitolato ‘Apocalisse umanitaria’, realizzato da Societa’ INformazione ed edito dalla Cgil. Il curatore, Sergio Segio, ha spiegato ai nostri microfoni: “Il quadro dei diritti a livello globale è sempre più fosco. Le guerre proliferano e non accennano a fermarsi. Ma in questo nuovo rapporto abbiamo voluto dedicare un capitolo ai piccoli segnali di speranza”. Patrizio Gonnella, dell’Associazione Antigone, ha aggiunto: “Si cerca di superare i pregiudizi e di raccontare cosa è successo ai diritti umani nel corso di anno”. Anche il segretario generale di Actionaid Marco De Ponte ha dato la sua opinione sul rapporto: “La crisi è una crisi della cittadinanza. Non basta l’opera legislativa ma è necessario investire nella partecipazione civica”. Infine la preoccupazione di Francesco Martone, di In Difesa Di: “E’ un quadro estremamente allarmante”. (Andrea Corti/alaNEWS)

 



Related Articles

I profittatori del clima

Il meccanismo dei «permessi di emissione» vi sembra un po’ astruso, non capite bene cosa significa «commercio del carbonio»? Un gruppo di grandi imprese europee invece l’ha capito benissimo: e ci sta guadagnando centinaia di milioni di euro. Lo rivela l’indagine di un gruppo britannico dedicato al monitoraggio del carbon trading: ieri ha pubblicato una lista di 10 grandi aziende europee dei settori del cemento e dell’acciaio che nel periodo 2008-2010 si sono aggiudicate permessi di emissione per un totale 240 milioni di tonnellate di anidride carbonica, con un valore di mercato che si aggira sui 4 miliardi di euro – quattro volte più del’intero budget ambientale dell’Unione europea per gli stessi due anni – che potrebbero arrivare a 5,6 miliardi alla fine del 2012.

La crisi sociale resta pesante: 9 milioni precari o senza lavoro

Si allarga l’area del disagio occupazionale: +56% rispetto al 2007 secondo i dati diffusi dalla Cgil

Cresce solo il lavoro precario: più occupati gli over 50 e a termine

Istat. Modesto aumento dell’occupazione a aprile 2017 e suona la grancassa del Pd e di Renzi in vista delle prossime elezioni. Ma i dati vanno decrittati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment