Presentato ‘Apocalisse umanitaria’, rapporto sui Diritti Globali

Presentato ‘Apocalisse umanitaria’, rapporto sui Diritti Globali

E’ stato presentato il quindicesimo rapporto sui Diritti Globali, intitolato ‘Apocalisse umanitaria’, realizzato da Societa’ INformazione ed edito dalla Cgil. Il curatore, Sergio Segio, ha spiegato ai nostri microfoni: “Il quadro dei diritti a livello globale è sempre più fosco. Le guerre proliferano e non accennano a fermarsi. Ma in questo nuovo rapporto abbiamo voluto dedicare un capitolo ai piccoli segnali di speranza”. Patrizio Gonnella, dell’Associazione Antigone, ha aggiunto: “Si cerca di superare i pregiudizi e di raccontare cosa è successo ai diritti umani nel corso di anno”. Anche il segretario generale di Actionaid Marco De Ponte ha dato la sua opinione sul rapporto: “La crisi è una crisi della cittadinanza. Non basta l’opera legislativa ma è necessario investire nella partecipazione civica”. Infine la preoccupazione di Francesco Martone, di In Difesa Di: “E’ un quadro estremamente allarmante”. (Andrea Corti/alaNEWS)

 



Related Articles

Cent’anni di solitudine nell’era dei social network non abbiamo più amici

Ricerca Usa: “L’isolamento è la malattia del nostro secolo Due volte più grave dell’obesità, aumenta la mortalità del 14 %”

Quella zona grigia abitata dai freelance Una ricerca a Roma

Sospesi in una zona grigia tra lavoro dipendente ed indipendente vivono i freelance che a Roma e nella sua provincia lavorano come consulenti o collaboratori nei servizi alle imprese, negli studi pubblicitari o di architettura, nell’informatica, nella comunicazione, nella produzione teatrale e video-cinematografica, nel reticolo degli enti di ricerca e delle università .

L’Italia povera dei lavoratori

Istat Al Sud una famiglia numerosa su due vive al di sotto della soglia di sussistenza. Tra gli otto milioni di indigenti italiani, 3 milioni vivono nella povertà  assoluta

Secondo il rapporto 2010 c’è un peggioramento delle condizioni delle famiglie working poor, operaie o con un reddito da lavoro autonomo. E con titolo di studio medio-alto. Ma per la Caritas «è una fotografia ottimistica»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment