Diritti Globali: ‘su migranti cambiati toni, non la sostanza’

Alla CGIL nazionale presentato oggi il nuovo Rapporto sui Diritti Globali dal titolo “Cambiare il sistema”

ANSA • 4/2/2020 • Contenuti in copertina, Rapporto 2019 • 224 Viste

ROMA, 04 FEB – “Criminalizzare le Ong, delegare il problema alla Guardia costiera e ai lager della Libia, ai campi della Turchia e a nuovi filtri nel Sahel, sigillare le frontiere è ancora il programma. Sono cambiati i toni, non la sostanza”.
E’ quanto afferma il 17/o Rapporto sui Diritti Globali, curato da Società INformazione Onlus di Sergio Segio e promosso dalla Cgil con l’adesione delle maggiori associazioni italiane impegnate sui temi dei diritti.
Tra gennaio e agosto 2019 la Guardia costiera libica – ricorda il rapporto – ha intercettato circa 6.000 persone in fuga verso l’Europa riportandole in quei centri di detenzione in cui “la crudeltà è la norma, come documentato dalle stesse Nazioni Unite”. “Migliaia di persone nelle carceri in Libia sono divenute ostaggio di una guerra le cui radici sono da ricercare nelle scelte di destabilizzazione e di neocolonialismo Usa e Ue”, tutto ciò mentre la popolazione sfollata e profuga, in ragione di guerre e riscaldamento globale, è cresciuta nell’ultimo decennio in maniera esponenziale: 43,3 milioni di persone nel 2009, quasi 71 milioni nel 2018″.
(ANSA).

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This