I vescovi di Piemonte e Val d’Aosta si mobilitano contro le fabbriche di armi

I vescovi di Piemonte e Val d’Aosta si mobilitano contro le fabbriche di armi

«Ci fa specie che in questo tempo di giuste limitazioni per contrastare la diffusione dell’epidemia, tra le poche attività lavorative ritenute necessarie ci sia anche quella della fabbricazione e commercializzazione delle armi».

La presa di posizione arriva dai vescovi di Piemonte e Valle d’Aosta, attraverso una nota della Commissione pastorale sociale e lavoro della Conferenza episcopale delle due regioni del nord-ovest, nel cui territorio, a Cameri (No), si trova il principale stabilimento italiano per l’assemblaggio dei cacciabombardieri F35 (ne ha scritto Giulio Marcon sul manifesto di ieri).

Diciamo no «alla produzione delle armi, soprattutto in questo tempo in cui servono strumenti e attrezzature per la vita e non per la morte», scrivono i vescovi. «Diciamo no a lavori per la guerra, no alla produzione e allestimento degli F35, costosissimo progetto di aerei che possono trasportare bombe nucleari. Quanti posti letto si potrebbero ottenere con il costo anche di un solo aereo? Di ben altro lavoro abbiamo bisogno. Un lavoro che produca vita buona e non morte! Quanto lavoro nell’agricoltura sostenibile, quante piccole imprese importanti per il nostro territorio si potrebbero sostenere con il costo di un solo aereo?».

Pochi giorni fa, un analogo appello era stato lanciato da Pax Christi. «Mentre lodiamo e sosteniamo il lavoro di medici e infermieri, mentre chiediamo soccorso ad altri Paesi che ci stanno sostenendo con l’invio di medici, prodotti di protezione medica, specialisti, mentre chiediamo ai cittadini di vivere nell’incertezza e nell’apprensione per il proprio lavoro, consentiamo alle fabbriche di armi di continuare a lavorare senza sosta».

Ma la Presidenza del Consiglio non sembra ascoltare. Evidentemente le armi sono «essenziali».

* Fonte: Luca Kocci, il manifesto



Related Articles

Gaza, inferno di bombe 120 morti in un giorno Due milioni senza luce

Distrutta la centrale elettrica, Hamas e Fatah divisi sulla tregua. Migliaia in fuga da Gaza: “Non c’è più un posto dove nascondersi”

Medio Oriente. L’anno della resa dei conti: chi ha vinto e chi ha perso

Medio Oriente. Il ritorno della Russia nella regione ha stravolto i destini delle guerre per procura, i progetti delle potenze regionali e le reti di alleanze

Augé, Žižek e la vecchia polemica su multiculturalismo e stili di vita

Terrorismo/Immigrazione. In Italia, “i nostri valori” sono ben esemplificati, sia pur in forma estrema, da quel campione di tolleranza e rispetto del genere femminile che è Matteo Salvini

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment