Favorito per l’Interpol un generale degli Emirati accusato di tortura

Favorito per l’Interpol un generale degli Emirati accusato di tortura

Gli Emirati lo sostengono a colpi di finanziamenti. Delle ong, tra cui il Gulf Centre for Human Rights e Human Rights Watch, accusano il generale di aver promosso la pratica della tortura nelle carceri degli Emirati

 

Un generale accusato di tortura alla testa di Interpol? Ahmed Naser al-Raisi, alto graduato del ministero degli Interni degli Emirati arabi uniti, è favorito per essere nominato alla presidenza dell’organizzazione internazionale di polizia all’assemblea generale che si tiene da oggi a giovedì a Istanbul.

Al-Raisi, che ha alle spalle una carriera di più di 40 anni a Abu Dhabi, come rappresentante dell’Asia dal 2018 è già membro del comitato esecutivo di Interpol, che ha sede a Lione. Contro di lui, all’ultimo momento si è candidata Sarka Haurankova, della Repubblica ceca, vice-presidente di Interpol per l’Europa.

L’opposizione alla nomina di al-Raisi si è organizzata in Europa. A giugno, 35 parlamentari francesi hanno scritto a Macron per chiedere di opporsi a questa promozione. A novembre, dei parlamentari tedeschi hanno espresso «profonda preoccupazione».

A settembre, ci sono state tre denunce in Francia contro al-Raisi, possibili grazie alla competenza universale della giustizia francese. Delle ong, tra cui il Gulf Centre for Human Rights e Human Rights Watch, accusano il generale di aver promosso la pratica della tortura nelle carceri degli Emirati. In particolare, due denunce riguardano gli «atti di barbarie» commessi contro il blogger e poeta Ahmed Mansur, condannato negli Emirati nel 2018 a dieci anni di carcere e da allora tenuto in isolamento. C’è anche una denuncia presentata in Gran Bretagna, che riguarda Matthew Hedges, un dottorando inglese arrestato nel 2018 all’aeroporto di Dubai e condannato all’ergastolo negli Emirati come spia. Un’ultima denuncia è stata presentata recentemente da avvocati francesi in Turchia, nella speranza di bloccare la nomina.

Gli Emirati sostengono la promozione di Ahmed Naser al-Raisi a colpi di finanziamenti: nel 2017, Abu Dhabi ha fatto una donazione-record di 50 milioni di euro a Interpol, per sedurre i 194 stati membri. Le ong francesi temono che Macron temporeggi: il presidente ha in programma un viaggio negli Emirati a dicembre e Abu Dhabi è tra i principali clienti di armamenti made in France. Gli Emirati, inoltre, sono al centro di scandali internazionali di intercettazioni, sono stati tra i maggiori utilizzatori di Pegasus, il software israeliano utilizzato per spiare giornalisti, militanti e anche politici, un caso esploso qualche mese fa.
Interpol, l’organizzazione internazionale nata nel 1923 per mettere in relazione le polizie del mondo, non è sempre stata al di sopra di ogni sospetto. Nel passato ha dovuto far fronte ad accuse di essere uno strumento usato da alcuni stati membri per arrestare degli oppositori politici nel mondo, anche se l’articolo 3 del suo statuto promette «stretta neutralità».

Il penultimo presidente di Interpol, il cinese Meng Hongwei, è sparito da Lione nel 2018, poi ricomparso in Cina dove è stato condannato nel 2020 a 13 anni di carcere per corruzione. La moglie Grace, che ha ottenuto l’asilo politico in Francia, ha chiesto a Interpol di indagare sulla sua sorte, per sapere se è ancora in vita.

* Fonte: Anna Maria Merlo, il manifesto

 

ph by Ipixelpro, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Quando la polizia rapisce innocenti

È una storia sinistra da cui comincia bene un film, ma finisce male la legalità e rispettabilità di un Paese, nel nostro caso l’Italia. Una notte di fine maggio, ai nostri giorni, con questo governo, di cui si può pensar male ma non fino a questo punto, una bambina di sei anni e la madre, provenienti dal Kazakistan e domiciliate a Roma, sono state l’obiettivo di una grande operazione di cattura e rapimento.

Tra i dannati in fuga dalla Siria degli orrori

250mila fuggiaschi. Sono curdi siriani che nessuno vuole: né il governo di Assad né i ribelli e neppure gli jihadisti

DOHUK. FENSA tira fuori un quadro. C’è una vasca, e dei pesci che fluttuano nell’aria, ma hanno facce di bambini che versano lacrime. Sono i bambini rifugiati, pesci fuor d’acqua. Lei ha 27 anni, sta in tenda con fratello, cognata e i loro tre bambini. Sono arrivati a piedi, un anno fa. Ho imparato a disegnare per insegnare ai bambini, dice. «Non mi sento una rifugiata, mi sento una volontaria, spiego l’igiene, i diritti delle donne».

Usa/Italia. Trump benedice i gialloverdi, Conte: «Cabina di regia comune»

Incontro a Washington tra il premier italiano e il presidente Usa: annunciata la cooperazione diretta nel Mediterraneo e sulla questione libica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment