Ucraina. Dopo l’attacco, la centrale nucleare di Zaporizhzhia è sotto il controllo russo

Ucraina. Dopo l’attacco, la centrale nucleare di Zaporizhzhia è sotto il controllo russo

Loading

Crisi ucraina. Un simbolo nello scontro Putin-Zelensky. Nessun comparto radioattivo è manomesso

 

YUZHNOUKRAINSK (UCRAINA MERIDIONALE). Domato l’incendio nel sito nucleare di Zaporizhzhia, i russi hanno il pieno controllo della centrale. I livelli di radioattività non hanno mai registrato livelli anomali, segno che nessun comparto radioattivo è stato manomesso.

LA CENTRALE È STATA costruita durante il periodo sovietico; inizialmente erano previsti quattro reattori con una potenza totale di 4 GW a cui, tra la fine degli anni Ottanta e la metà degli anni Novanta vennero aggiunti altre due unità. L’ultima, L’Unità 6, iniziò ad attivarsi nel 1995 ed è stato il primo reattore nucleare ucraino costruito dopo l’indipendenza dalla Russia; un simbolo della rinascita economica e politica di Kiev e per questo importante nella guerra psicologica in atto tra Putin e Zelensky che si sovrappone a quella sul campo. Ad oggi, dei sei reattori di cui dispone Zaporizhzhia, solo l’unità 4 è in funzione con una potenza di 690 MW; i reattori delle unità 2,3,5 e 6 sono in fase di raffreddamento e sono disconnessi dalla rete, mentre il reattore 1 è stato completamente spento per poter essere rifornito di combustibile nucleare.

TUTTI I REATTORI SONO di tipo PWR (Reattori ad acqua pressurizzata) VVER-1000 costruiti dalla russa Izhorskiye Zavody, assai diversi, più contenuti in volume e più sicuri di quelli RBMK a grafite in uso a Chernobyl nel 1986. L’Ucraina, dopo l’annessione della Crimea alla Russia nel 2014, ha deciso di svincolarsi da Mosca per il rifornimento del combustibile nucleare, preferendo a compagnie russe l’americana Westinghouse Electric Company.

Anche il deposito di scorie radioattive, operativo dall’agosto 2004 e costruito da un consorzio russo-statunitense formato dalla Kharkov Scientific Research & Design Institute Energoprojekt e dalla Duke Engineering & Services, è al sicuro. Il deposito ha una capacità massima di 9.000 barre di combustibile esausto assemblate in 380 cask, di cui 167 prodotti dalla Sierra Nuclear Corporation sono attualmente presenti nel sito.

A DIFFERENZA DEL REATTORE, che è protetto da un contenitore primario in cemento e da un vessel in acciaio spesso circa 15 centimetri, il deposito di scorie e la piscina in cui sono temporaneamente conservate le barre di combustibile esausto sono le parti più vulnerabili di una centrale nucleare. Un eventuale rilascio di sostanze radioattive da parte delle piscine di stoccaggio e dal deposito di scorie produrrebbe un innalzamento di radioattività localizzato attorno al sito nucleare, mentre un rilascio di radioisotopi da un reattore provocherebbe un fallout che colpirebbe un’area ben più vasta.

DA IERI, QUINDI, dopo la centrale di Chernobyl, anche quella di Zaporizhzhia è ora sotto controllo russo. A Chernobyl le forze militari russe collaborano con la Guardia nazionale ucraina nel controllo dell’impianto, i cui livelli di radiazioni sono nella norma e vengono controllati sei volte al giorno.
Quello che preoccupa maggiormente è il fatto che le operazioni nella centrale il cui reattore esplose nel 1986, sono gestite ininterrottamente da sette giorni dagli stessi operatori senza che questi abbiano avuto la possibilità di uscire dal sito, rischiando ripercussioni fisiche e psicologiche che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza dell’impianto.
Si sono invece perse le tracce di quattro stalkers che, all’atto dell’invasione russa, si trovavano clandestinamente nella Zona di esclusione.

L’UCRAINA HA attualmente quattro impianti nucleari che nel 2021 hanno generato il 54% dell’energia prodotta nel Paese. Oltre alla centrale di Zaporizhzhia, la più grande in Europa, che potrebbe produrre il 40% dell’energia nucleare generata in Ucraina, c’è quella di South Ukrainian, dotata di tre reattori, due dei quali stanno funzionando con una potenza di 980 MW ciascuno (il terzo è disconnesso dalla rete), quella di Khmelnitsky, con due reattori di cui uno in funzione a 980 MW e quella di Rivno, in cui su quattro reattori, tre forniscono in totale 2,1 GW di energia. Quindi su un totale di 15 reattori nucleari, ad oggi sette sono in funzione.

LA CENTRALE PIÙ VICINA al fronte di guerra è da oggi quella di South Ukraine, che ha tre reattori VVER uguali a quelli di Zaporizhzhia. Se anche questa dovesse cadere nelle mani delle forze armate russe (e difficilmente gli ucraini riusciranno a difenderla), Kiev non sarà più in grado di controllare la metà dei suoi reattori nucleari, dando a Mosca le chiavi per interrompere l’apporto energetico del Paese.

* Fonte/autore: Piergiorgio Pescali, il manifesto

 

ph by Дмитрий Бородай, VILEN_ZP@MAIL.ZP.UA, CC BY-SA 3.0 <http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Renzi irritato prepara la controffensiva Delrio: è il surplus tedesco a frenare l’Ue

Loading

Al Consiglio europeo il premier tornerà sulla flessibilità. Il sottosegretario: qui nessuno dà compiti

Ecuador, la terza volta di Rafael Correa

Loading

Otto candidati aspirano a dirigere il Paese per affossare o migliorare la «Revolucià³n ciudadana» Giovedì si è chiusa in Ecuador la campagna elettorale, iniziata il 4 gennaio scorso. Domani, 11,5 milioni di cittadini potranno recarsi alle urne per eleggere il presidente, il vicepresidente e i deputati (137 e cinque rappresentanti al Parlamento andino) per un periodo di quattro anni.

Corsa al riarmo anche in Russia, Putin annuncia l’aumento delle spese militari

Loading

La Russia spende già 69 miliardi l’anno: il timore è quello di tagli al già magro Stato sociale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment