Precari all’Expo: «Altro che choosy, noi cerchiamo un lavoro dignitoso»

Precari all’Expo: «Altro che choosy, noi cerchiamo un lavoro dignitoso»

Le testimonianze raccolte ieri in rete smontano la campagna mediatica contro i bamboccioni che rifiutano lavori pagati, ma senza formazione, e stage senza rimborso spese.
Otto ragazzi su dieci sotto i 29 anni, sele­zio­nati dall’agenzia inte­ri­nale Man­po­wer, hanno rifiu­tato una delle 735 posi­zioni di lavoro all’Expo sta­bi­lite nell’accordo sin­da­cale fir­mato da Cgil, Cisl e Uil del 23 luglio 2013, quello che ha legit­ti­mato per la prima volta il lavoro gra­tuito in Ita­lia. La noti­zia è apparsa ieri sul Cor­riere della sera e ha sca­te­nato un vespaio. Secondo quanto ripor­tato da Man­po­wer, i gio­vani con­tat­tati avreb­bero rifiu­tato tutti uno sti­pen­dio da (oltre) 1300 euro al mese com­pren­sivi di tre turni da 8 ore cia­scuno, dispo­ni­bi­lità 24 ore su 24, wee­kend inclusi.

Morale: Elsa For­nero, mini­stro del lavoro del governo Monti, avrebbe ragione: i gio­vani ita­liani sono «choosy», «schiz­zi­nosi». Rifiu­tano 1300 euro di sti­pen­dio di que­sti tempi. Forse per­ché si pre­pa­rano ad andare in vacanza e non a lavo­rare in uno dei seguenti pro­fili: «ope­ra­tore Grande Evento», «spe­cia­li­sta grande Evento» (298 posi­zioni), «tec­nico sistemi di gestione Grande Evento» (59 posi­zioni), Area team lea­der (296), nello «Com­mu­ni­ca­tion & Social Net­work — Youth Trai­ning» (8 posi­zioni) o nello «Youth Trai­ning Pro­gram» (153 posi­zioni). «Certo c’è un pò da stu­pirsi – ha com­men­tato l’Ad Expo Giu­seppe Sala — Il periodo è estivo e il fatto di non potere fare vacanza sem­bra essere il fatto più osta­tivo all’accettazione della nostra pro­po­sta. Non abbiamo pro­blemi per­ché abbiamo delle liste lun­ghe, ma ci siamo mera­vi­gliati un po’ della cosa». Con­tro i «bam­boc­cioni» si è espresso Aldo Grasso in un video-editoriale sul Cor?riere?.it con toni par­ti­co­lar­mente minac­ciosi: «C’è una gene­ra­zione – ha detto — che non è stata ancora abi­tuata al lavoro, anche al lavoro estivo, ma credo che dovrà impa­rare presto».

Una volta pub­bli­cata, la «noti­zia» ha fatto il giro del web (e delle tv). Que­sta dif­fu­sione ha per­messo anche ai pre­sunti «choosy» di venire allo sco­perto. La loro realtà è diversa, e molto più com­plessa. E la tesi di fondo della comu­ni­ca­zione uffi­ciale non è vera. La testi­mo­nianza più «clic­cata» è stata quella di una ragazza tori­nese, Mapu, sulla pagina face­book dell’Huffington post. Il 10 aprile scorso, rac­conta, le è stato comu­ni­cato di avere supe­rato la sele­zione per uno degli otto posti da «Com­mu­ni­ca­tion & Social Net­work». Si tratta di uno stage da 500 euro per sei mesi. Al tele­fono un addetto Man­po­wer le pro­mette di inviarle la gra­dua­to­ria uffi­ciale il giorno suc­ces­sivo. Poi più nulla.

Viene richia­mata il 16 e apprende che la for­ma­zione sarebbe ini­ziata il 21 suc­ces­sivo, poi spo­stata al 22. Mapu ha fatto un cal­colo: da Torino fino a Rho, dove ha sede l’Expo, un abbo­na­mento a treni e mezzi costa 350 euro. «Ho rifiu­tato – scrive — per­ché con 150 euro al mese non man­gio, per­ché non mi sem­bra serio que­sto pro­cesso di sele­zione (e in gene­rale la gestione dell’Expo in toto) e per­ché ho la for­tuna di avere un lavo­retto e non posso mol­larlo dall’oggi al domani».

Il «lavo­retto» è un impiego in un call cen­ter. Lau­reata trien­nale, con un master in «beni cul­tu­rali e indu­strie cul­tu­rali e crea­tive», in un’intervista al sito qelsi?.it Mapu ha soste­nuto: «La posi­zione per cui mi sono can­di­data è dav­vero il sogno nel cas­setto, ma a un certo punto devo deci­dere se man­giare oppure no. Ciò che ha fatto cadere l’ago della bilan­cia però è stata la poca serietà da parte di Man­po­wer: Avrei accet­tato anche pren­dendo uno sti­pen­dio da fame e facendo turni mas­sa­cranti ma se le sele­zioni sono state così poco serie, cosa mi posso aspet­tare dall’esperienza in sé?». Da que­sta testi­mo­nianza emerge che gli sta­gi­sti all’Expo non hanno il rim­borso spese e dimo­strano di essere dispo­ni­bili a sve­gliarsi «alle 5 di mat­tino, tor­nando alle 10 di sera». Il lavoro può essere duro, ma non a 150 euro al mese (forse). Tutto il con­tra­rio di quanto sostiene la cam­pa­gna «anti-choosy».

Il caso di Mapu riguarda gli stage, e non i 406 con­tratti di appren­di­stato pre­vi­sti. Anche su que­sto è spun­tato un rac­conto. Andrea, neo-laureato, 24 anni, si è rac­con­tato a Vita?.it. Gli è stato pro­po­sto un con­tratto a ter­mine da 1.300 euro. «Ho pre­fe­rito – ha detto – un con­tratto meno van­tag­gioso eco­no­mi­ca­mente ma più dura­turo, che mi inse­gni vera­mente un mestiere e con degli orari nor­mali». «La verità – ipo­tizza Andrea – è che hanno com­ple­ta­mente sba­gliato la pro­po­sta con­trat­tuale. Non hanno fatto uno stu­dio di set­tore. Si rivol­gono ad una pla­tea che non può accet­tare un simile impe­gno». Il pro­blema è il man­cato «alli­nea­mento» tra la pro­po­sta di lavoro, i biso­gni dei can­di­dati e la retri­bu­zione. In altre parole: la ricerca di un lavoro degno.

***

I dati: Il 23 luglio 2013 Cgil-Cisl Uil hanno fir­mato un accordo con Expo spa un accordo sull’occupazione. Su 735 per­sone, 406 sono appren­di­sti (media di 26 anni per 1.300 euro), 247 «team lea­der» (media 36 anni, 1.700 euro), con­tratti a ter­mine, e 82 sta­gi­sti (pre­vi­sti 195) con un rim­borso di 500 euro «come da accordo sin­da­cale» comu­nica Man­po­wer. Poi ci sono i «volon­tari». Non inqua­drati nella rela­tiva legi­sla­zione (come i 140 che dipen­dono da Expo), lavo­rano gra­tis per un evento com­mer­ciale. Pre­vi­sti 18500. Saranno 7500, su 17 mila can­di­da­ture rice­vute. Si cer­cano ancora “800 posi­zioni” per Expo, aggiunge Manpower.

***

La denun­cia: «Il lavoro gra­tis all’Expo è illegittimo»

L’esposto all’Ispettorato del lavoro di Milano dell’associazione «Forum Diritti lavoro». Per i giu­ri­sti l’accordo del 23 luglio 2013 siglato con Cgil, Cisl e Uil viola la legge sul volon­ta­riato e quella sul divieto di inter­po­si­zione ille­cita di manodopera.

***

Il libro:

Eco­no­mia della pro­messa: un libro con­tro il lavoro gra­tis, in uscita con Il Mani­fe­sto il 30 aprile, in edi­cola e in libreria

Rac­co­glie le inchie­ste sul lavoro gra­tuito. A comin­ciare dal­lin­cre­di­bile sto­ria sull’accordo sul lavoro gra­tuito all’expo di Milano che ini­zia il primo maggio.



Related Articles

Oggi pare d’obbligo odiare il pubblico

STRAGE DI PERUGIA
Tutti i dati ci dicono che gli statali sono più poveri e precari, eppure li si addita come «i privilegiati» Le due donne uccise a Perugia da un imprenditore disperato, depresso al punto da perdere il lume della ragione, erano due impiegate della Regione, due lavoratrici. Una aveva un contratto di collaborazione coordinata e continuativa, era una precaria a tempo determinato, l’altra fra un anno sarebbe andata in pensione.

PERCHÉ IL POPOLO TRADISCE LA SINISTRA

Negli ultimi decenni le classi popolari hanno subito l’equivalente di una doppia condanna, prima economica e poi politica

Resa dei conti in Libia, all’americana

Libia. Il golpista, uomo della Cia, Khalifa Haftar: liberiamo il Paese dai Fratelli musulmani

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment