Rapporto sui Diritti Globali quest’anno dedicato al clima

Rapporto sui Diritti Globali quest’anno dedicato al clima

Loading

Cambiare il sistema, per rendere più giusto il presente e cambiare il futuro: questo il tema della diciassettesima edizione del Rapporto sui Diritti Globali, curato dalla Società INformazione Onlus e promosso dalla CGIL, che sarà presentato il 4 febbraio nella sede nazionale del sindacato, in corso d’Italia a Roma. Il tema centrale del voluminoso rapporto di quest’anno è il diritto al futuro che milioni di giovani, ma anche cittadini di ogni età, stanno reclamando nelle strade di tutto il mondo. “Un futuro che va garantito alle nuove generazioni – spiega il curatore della ricerca, Sergio Segio – che sono in modo più marcato minacciate dall’evoluzione dei cambiamenti climatici, ancora insufficientemente contrastati, e che perciò va anche cambiato, perché il futuro che si prospetta mantiene caratteristiche di ingiustizia climatica e sociale”. Intanto “non va certo smarrita l’attenzione al presente – aggiunge Segio – il domani si cambia a partire dall’oggi e dal qui, dall’impegno quotidiano contro gli squilibri ecologici, le diseguaglianze, le povertà, la condizione di debolezza economica e di sottrazione di diritti che vivono attualmente i lavoratori e i ceti più esposti”.
Dunque, la questione climatica e ambientale attraversa un po’ tutti i capitoli di questo nuovo Rapporto sui diritti globali per la sua drammatica centralità e urgenza, ma anche per evidenziare i nessi profondi che esistono tra economia, lavoro, politiche sociali, politiche globali, guerre, migrazioni e ambiente. La ricerca “mette concretamente in discussione un sistema che attualmente produce morte, destabilizzazione, guerre, diseguaglianze, povertà, devastazione ambientale, per costruire valide e concrete alternative” conclude Segio.
(ANSA).



Related Articles

Rapporto 2010 – Rassegna stampa 2

Loading

Rapporto sui Diritti Globali 2010 – Rassegna stampa – 2a parte

A Kobane, una biblioteca per combattere l’orrore. Intervista a Ednan Osman Hesen

Loading

Ednan parlava con sua sorella tutti i giorni. “Il 30 settembre la chiamai, ma al suo telefono rispose un militante del Daesh. Abbiamo giustiziato tua sorella, mi ha detto, e se vuoi vederla, oggi condivideremo la sua foto su Facebook

Agire conflitto per cambiare un sistema sempre più insostenibile

Loading

Intervista a Maxime Combes a cura di Monica Di Sisto e Alberto Zoratti (dal Rapporto sui Diritti Globali 2014)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment