Yemen. L’Arabia saudita scopre gli abusi di guerra sui civili

Yemen. L’Arabia saudita scopre gli abusi di guerra sui civili

L’Arabia saudita processerà i responsabili di violazioni contro i civili yemeniti. L’annuncio lo ha ieri da Londra il colonnello al-Maliki, portavoce della coalizione saudita che dal marzo 2015 bombarda lo Yemen.

Una riedizione del processo Khashoggi, verrebbe da dire, con il regime che giudica gli esecutori per salvare i mandanti. Perché la guerra allo Yemen è costellata di una miriade di stragi (mirate) di civili, di bombe su scuole, ospedali, siti archeologici, mercati, autobus.

Lo ha detto innumerevoli volte, inascoltata, l’Onu. Si stimano 100mila morti (per bombe, malattie, fame) di cui decine di migliaia di civili: almeno 7.500 quelli uccisi dallo scorso settembre (dati Onu).

Ora Riyadh intende processare «i violatori del diritto internazionale secondo le leggi dei vari paesi della coalizione». Violatori, specifica, «per errore o per violazione delle regole di ingaggio».

Sul tavolo, però, solo tre bombardamenti, scrive il Guardian: su un ospedale di Abs (agosto 2016, 19 morti); su un matrimonio a Bani Qayis (aprile 2018, 20 morti); su uno scuolabus a Dahyan (agosto 2018, 29 bambini uccisi).

* Fonte: il manifesto

 



Related Articles

Misurata, le armi proibite di Gheddafi bombe a grappolo sui civili in trappola

La Clinton: “Notizia preoccupante, per l’Alleanza è difficile intervenire in quell’area così popolata” Su case e strade anche missili Grad La condanna di Human Rights Watch

Cina-Giappone, la contesa che fa paura al mondo

Il mondo è giustamente preoccupato dalla guerra civile in Siria, e dalla violenza antioccidentale nei Paesi arabi e nelle altre nazioni islamiche in risposta al noto film amatoriale che attaccava il Profeta. Ma c’è anche un’altra serie di tensioni di cui preoccuparsi: quelle tra Cina e Giappone. Molto probabilmente, alla fine rientreranno e tornerà  la calma. Tuttavia, vi è un rischio significativo che non andrà  così. Si potrebbe anche arrivare a un conflitto.

L’Isis rivendica l’ordigno di Kirkuk. E fa strage in Siria

Medio Oriente. Daesh c’è ancora: feriti cinque soldati italiani, uccisi sette civili e un prete a Qamishlo. Il contingente italiano conta in Iraq un massimo di 1.100 unità, dubbi sul ruolo dei reparti speciali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment