Pandemia. «Lancet» e la ricetta di Piketty: una patrimoniale mondiale per la sanità pubblica

Pandemia. «Lancet» e la ricetta di Piketty: una patrimoniale mondiale per la sanità pubblica

Non capita spesso che una rivista medica parli di fisco. Lo fa nel suo ultimo numero The Lancet con un editoriale non firmato da attribuire al direttore, il medico Richard Horton. Horton constata come gli sforzi umanitari dei paesi ricchi convogliati attraverso l’Oms stiano fallendo miseramente: ci siamo impegnati a assicurare tamponi, vaccini e terapie al sud del mondo – anche per proteggere noi stessi dalle varianti – e semplicemente non lo stiamo facendo.

Mentre da noi si eseguono 620 tamponi ogni centomila abitanti al giorno, nei paesi in via di sviluppo se ne fanno solo 6. Su 245 milioni di trattamenti promessi, ne abbiamo forniti appena 2,9. E il programma Covax che doveva consegnare 2 miliardi di vaccini è «azzoppato dal realismo politico».

Il sistema va ripensato, conclude Horton, adottando la proposta dell’economista Thomas Piketty: una patrimoniale mondiale al 2% (quasi una medicina omeopatica) che tassi le ricchezze nascoste nei paradisi fiscali e mirata a investimenti in sanità pubblica.

L’occasione per farlo si chiama Global Health Summit, il vertice sulla salute del G20 presieduto dall’Italia che si terrà a Roma il 21 maggio. Ci farebbe un gran bene, lo dice anche il dottore.

* Fonte: Andrea Capocci, il manifesto

 

 

ph by ITU Pictures from Geneva, Switzerland, CC BY 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/2.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Stop informatica, l’allarme dell’Anm “I tribunali sono a rischio chiusura”

Cascini attacca Alfano: è un fallimento annunciato.  Per mancanza di fondi il ministero rischia di non poter pagare più l’assistenza informatica negli uffici giudiziari 

Brusca indagato per estorsione. Inquirenti in cerca del tesoro

Una foto di archivio del 21 maggio 1996 mostra il boss mafioso Giovanni Brusca scortato da due poliziotti. (Ansa)

    Una foto di archivio del 21 maggio 1996

   mostra il boss mafioso Giovanni Brusca scortato da due poliziotti. (Ansa)

MILANO – Il boss Giovanni Brusca, uno degli esecutori materiali della strage di Capaci poi diventato collaboratore di giustizia, è indagato dalla Direzione distrettuale Antimafia di Palermo per riciclaggio, fittizia intestazione di beni e tentata estorsione aggravata. I Carabinieri del gruppo di Monreale stanno eseguendo una serie di perquisizioni domiciliari nelle province di Palermo, Roma, Milano, Chieti e Rovigo nell’ambito di un’inchiesta che coinvolge anche alcuni familiari e persone vicine al boss.

Nella rete manager Asl e ex assessori “Sono il capitale sociale dei criminali”

E la cosca “Lombardia” votò il boss nella sala Falcone-Borsellino  I documenti    Fermato anche il responsabile della Perego; aziende sotto schiaffo ma nessuno denuncia E il faccendiere della Sanità  Chiriaco elogia Abelli: deve andare alle Infrastrutture  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment