Pandemia. «Lancet» e la ricetta di Piketty: una patrimoniale mondiale per la sanità pubblica

Pandemia. «Lancet» e la ricetta di Piketty: una patrimoniale mondiale per la sanità pubblica

Non capita spesso che una rivista medica parli di fisco. Lo fa nel suo ultimo numero The Lancet con un editoriale non firmato da attribuire al direttore, il medico Richard Horton. Horton constata come gli sforzi umanitari dei paesi ricchi convogliati attraverso l’Oms stiano fallendo miseramente: ci siamo impegnati a assicurare tamponi, vaccini e terapie al sud del mondo – anche per proteggere noi stessi dalle varianti – e semplicemente non lo stiamo facendo.

Mentre da noi si eseguono 620 tamponi ogni centomila abitanti al giorno, nei paesi in via di sviluppo se ne fanno solo 6. Su 245 milioni di trattamenti promessi, ne abbiamo forniti appena 2,9. E il programma Covax che doveva consegnare 2 miliardi di vaccini è «azzoppato dal realismo politico».

Il sistema va ripensato, conclude Horton, adottando la proposta dell’economista Thomas Piketty: una patrimoniale mondiale al 2% (quasi una medicina omeopatica) che tassi le ricchezze nascoste nei paradisi fiscali e mirata a investimenti in sanità pubblica.

L’occasione per farlo si chiama Global Health Summit, il vertice sulla salute del G20 presieduto dall’Italia che si terrà a Roma il 21 maggio. Ci farebbe un gran bene, lo dice anche il dottore.

* Fonte: Andrea Capocci, il manifesto

 

 

ph by ITU Pictures from Geneva, Switzerland, CC BY 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/2.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Colombia. Dopo la strage i reclusi protestano via Whatsapp: «Abbiamo diritto a una vita degna»

Le richieste dei detenuti dopo la strage del 21 marzo. Nelle 132 prigioni del paese 120mila prigionieri in spazi pensati per 80mila. E quelli politici iniziano a sparire

41 bis, la pena terribile che non rispetta il diritto e diventa tortura

Carcere duro. Nessuno tocchi Caino: «Lo Stato ascolti le critiche del Comitato Onu contro la tortura»

Assistenti familiari immigrati: soddisfatti del lavoro ma pensano al rimpatrio

Indagine di Centro Studi Idos e UniCredit Foundation. L’84,9 per cento degli intervistati svolge con piacere il servizio, tuttavia il 76,9 dichiara di voler tornare nel paese d’origine e il 12,9 per cento è disponibile a rientrare entro 5 anni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment