Libia. Sarraj si piega alle mire di Erdogan: sì alle truppe turche a Tripoli

Libia. Sarraj si piega alle mire di Erdogan: sì alle truppe turche a Tripoli

A un alleato che porge un «aiuto», non si può dire di no. E così ieri il Governo di Accordo nazionale libico (Gna) riconosciuto internazionalmente ha risposto di sì all’offerta di sostegno militare turco previsto dal protocollo di sicurezza firmato da Tripoli e Ankara lo scorso 27 novembre.

Tradotto: il coinvolgimento della Turchia nel conflitto libico – già effettivo, sebbene informalmente, con droni, consiglieri e probabilmente armi – si fa ora inequivocabile con l’invio di soldati e mezzi militari. Del resto, il presidente turco Erdogan per giorni è stato un disco rotto: «Ankara sarà protagonista militarmente in Libia e appoggerà i passi congiunti nel Mediterraneo» possibili grazie proprio ai memorandum d’intesa.

Con l’ok incassato ieri da Tripoli, pura formalità, Erdogan può ora «legalmente» indossare l’elmetto e imbarcarsi in una nuova guerra dopo le tre offensive che ha scatenato in Siria negli anni (l’ultima lo scorso ottobre). Ma se lì il pretesto era «neutralizzare i terroristi» curdi del Rojava, qui l’intento è palesemente economico: mettere le mani sullo Stato fallito libico e partecipare al convivio coloniale bandito dalla Nato nel 2011. Oltre all’obiettivo geopolitico: estendere il progetto neo-ottomano di Erdogan anche sull’altra sponda del Mediterraneo.

Resta da capire quali ostacoli incontrerà nel suo tragitto. Il principale potrebbe venire dalla Russia, sponsor del generale Haftar, nemico giurato del Gna, che – sostenuto militarmente da Emirati arabi uniti, Giordania, Egitto, Francia e (più recentemente) centinaia di mercenari russi del gruppo Wagner – da aprile prova invano a sfondare le difese tripoline.

Mosca scenderà in campo a fianco dell’autoproclamato capo dell’Esercito nazionale libico (Lna) come ha fatto in Siria con Assad o si affiderà alla diplomazia? Per ora Mosca adotta un profilo basso: ieri il presidente Putin ha fatto sapere che vuole il cessate il fuoco prima dell’inizio dei negoziati tra le due parti rivali libiche. Importante, a questo punto, sarà capire cosa emergerà dall’incontro sulla Libia che una delegazione turca, già annunciata da Erdogan, terrà nei prossimi giorni in Russia.

Se l’Europa non prende una chiara posizione comune e se gli Usa di Trump, in pieno stile siriano, si pongono al momento ai margini, i veri protagonisti della questione Libia vanno ricercati a Mosca e Ankara. Pertanto, fanno quanto meno sorridere le parole ieri del ministro degli Esteri Di Maio in cui ribadiva come in Libia «l’Italia ha perso un ruolo» a causa della crisi di governo della scorsa estate e che perciò «dobbiamo recuperare» il terreno perché Roma «può giocare un ruolo importante».

Andrebbe ricordato al ministro che i libici – soprattutto Haftar – ci hanno deriso in questi anni (anche quando avevamo un governo in carica) e hanno preferito rivolgersi ad altri interlocutori. Del resto, e Tripoli lo sa bene, gli italiani l’unica guerra che possono affrontare è quella contro i migranti, non di certo uno scenario di conflitto vero come quello che si vive a Tripoli.

A ogni modo l’agenda del capo della Farnesina è fitta di impegni per i prossimi giorni: incontrerà Haftar («Un ruolo ce l’ha, non sono io a riconoscerlo ma i fatti e questo non si può ignorare») e avrà colloqui telefonici con i ministri degli Esteri dei paesi che «hanno influenza in Libia».

«Noi riconosciamo e supportiamo il lavoro delle Nazioni unite e il processo di Berlino», ha poi aggiunto spiegando che l’intenzione del governo Conte è quella di promuovere una missione dell’Unione europea guidata dal nuovo Alto rappresentante della politica estera dell’Ue Josep Borrell.

Sul terreno, intanto, la situazione si fa sempre più difficile: ieri il portavoce dell’Lna, Ahmed Mismari, ha affermato che gli uomini di Haftar continuano ad avanzare verso il centro di Tripoli e ha annunciato «sorprese nelle prossime ore».

In contemporanea, il braccio politico che fa capo al generale, il parlamento di Tobruk, chiedeva alla Lega araba e all’Unione africana di ritirare il riconoscimento del Consiglio di Presidenza di Tripoli come legittimo governo della Libia.

* Fonte: Roberto Prinzi, il manifesto



Related Articles

Sprazzo umanitario a Homs: via donne, bambini e feriti

Per la prima volta un piccolissimo sprazzo umanitario si è aperto: la Croce rossa internazionale e la Mezzaluna rossa siriana sono riuscite a concordare con le autorità  di Damasco l’evacuazione di 20 fra donne e bambini e 7 feriti da Baba Amr, il sobborgo di Homs città  assediata e bombardata, dove negli scontri fra i governativi e i ribelli (il cosiddetto «Esercito siriano libero») migliaia di persone sono intrappolate mentre la città  subisce un incessante martellamento.

Francia-Italia, eterna sfida

Fra Italia e Francia non si fila mai il perfetto amore, e la Libia, adesso, rinfocola le polemiche, con divagazioni sui reciproci rapporti attraverso la storia. Italiani, francesi: chi è meglio, chi è peggio? Chi è più avanti, se si fa una classifica?

Effetto interno-esterno: terremoto nei Balcani

EX-JUGOSLAVIA Sorprese in Slovenia e Croazia Una svolta attesa in Croazia, quanto inaspettata quella in Slovenia. I croati infatti, per la seconda volta in venti anni – era già  accaduto nel 2000 – hanno detto no al partito ipernazionalista, l’Hdz fondato dal «Signore della guerra» Franjo Tudjman protagonista nel 1991 della secessione armata dall’ex Jugoslavia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment